Hosea Jaffe: una idea diversa sul Sudafrica

Nel fiume di voci che raccontano il Sudafrica, quella di Hosea Jaffe è dissonante. Nato a Cape Town nel 1921, è autore di numerose opere sulla storia africana e sul sistema economico mondiale. La più importante sta per riuscire da Jaca Book, “Sudafrica, storia politica” (pp. 334, euro 28). Ha insegnato in Sudafrica, in Kenya, ad Addis Abeba e Londra. Jaffe è marxista e ha una idea singolare del paese. L’abbiano sentito mentre il Sudafrica è in festa, e guarda altrove.   Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , ,

Mandela The Long goodbye

Non c’erano strade facili per la libertà e lui non era il Messia ma un uomo paziente. Sapeva che una buona testa e un buon cuore non bastano a un popolo ma ci vuole la capacità di arrivare a un compromesso. Due nomi: il primo, Rolihlahla, letteralmente istigatore, scelto dalla famiglia; il secondo, Nelson, posto dalla società nella sua prima rappresentazione: una scuola metodista. Per tutta la vita è come se Mandela avesse fatto solo due cose: ribellarsi e aspettare, oltre che pagarne le conseguenze. Cominciò presto rifiutando il matrimonio combinato deciso dal capotribù, e fuggendo dal villaggio di Mvezo, sul fiume Mbashe, «Cambiare se stessi è il primo passo per cambiare la società nella quale si vive». La sua non era delle migliori, c’era la segregazione razziale, e i neri non avevano che una manciata di diritti. Continua a leggere

Contrassegnato da tag ,

Francia-Croazia: Griezmann e Mbappé assassini dei giorni di festa

Il mazzo di carte francesi

ha messo i corpi in cornice.

Calco dello spirito

l’istantaneo prodigio.

 

 

 

 

 

[illustrazione di Fabio Mingarelli]

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Il cane di Pavlov leggeva Concita

Purtroppo prima di essere un gioco letterario e una indagine sulla memoria, “Ogni coincidenza ha un’anima” (Sellerio), di Fabio Stassi, è un riflesso pavloviano. Il protagonista Vince Corso, è un biblioterapeuta, che sembra uno di quegli italiani che scrivono a Concita De Gregorio, ricambiati. Precario, ingegnoso, con soffitta e strada letteraria e colonna sonora di conseguenza: dai Noir Désir a Gianmaria Testa. «Corso, campi sui libri degli altri». E non solo, ci appoggia pure una biografia di conseguenza, dove il lettore vorrebbe veder spuntare un attimo di leggerezza non sovrascritta da un Nobel o un Pulitzer, Continua a leggere

Contrassegnato da tag , ,

I presidenti di Maurizio Sarri

Dall’Antella al Chelsea la strada è lunga, e c’è molta più salita che al Tour de France. Maurizio Sarri l’ha fatta tutta, e ora ride, a Londra. Finiti i campi di polvere, esaurite le strade di campagna, deposte le panchine consumate e senza tettuccio per ripararsi dalla pioggia, dimenticati gli oratori, ecco la Premier League. Venti anni fa Sarri allenava l’Antella, e prima c’erano state Cavriglia, Faellese, Stia, che sembrano paesi da Cioni Mario, più che squadre. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,
Annunci