Watching Alice

Una pioggia di uomini sta intorno al corpo della ragazza. Dopo il solito rituale mattutino: lavarsi, vestirsi, prepararsi e uscire per il lavoro, ha scelto di saltare. Per mesi si è presa cura del suo cactus. Alice era una ragazza fragile, aggrappata a una promessa. Metà del suo cuore in Iraq con Dave, marine, che prima di partire le ha regalato il cactus. Aggiungendo: «la pianta vive, io torno. I soldati combattono, le donne aspettano», e dopo una pausa ha aggiunto: «e pregano» – Alice lo fa tutti i giorni – ma non l’ha detto. Quattro mesi e la pianta comincia a marcire. Alice, ci soffre. Dave smette di scrivere. Il cactus muore. Lei non resiste e si lancia dalla finestra. Lui, era solo finito in missione. La pianta: uccisa da un virus raro. Non bisogna mai credere alle promesse, farsi suggestionare dalla natura in cattività, cedere.

Contrassegnato da tag , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: