Il costume di mio padre

Monsieur Olivier Dupont crede solo a quello che incontra. Si muove per cercare e catalogare,  raccontandolo nella sua rubrica “il costume di mio padre”. «So che non è molto di moda, ma io non ho radici, dove mi mettono sto. Sono un uomo misterioso e molto lento», questo ha scritto di sé. E quando, incontrando al capolinea la donna della sua vita, ha capito che tutto quell’andare su e giù era perchè cercava l’amore, si sarebbe messo a piangere. Poi, con l’aiuto della fisica quantistica, si è convinto, che esistano universi uguali a quelli che viviamo per ogni variabile di un avvenimento, consolandosi del tempo perduto: dicendosi che negli altri, lui già l’amava, già l’aveva amata. E che la maledetta piega della sua vita lo aveva relegato nell’unica parte di tempo dove era dispari. Il giorno dopo, ha scritto: ora datemi solo la luce.

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: