no charge, Rodger

Rodger Scott, il campione di sumo dalla pelle nera, ha consumato la sua voglia di capire le donne e ora si preoccupa solo di sudare. Le ha guardate a lungo, come si può guardare il cielo, continuando a stupirsi che vada oltre i grattacieli della città dove vive, che il blu, il grigio il bianco abbiano ancora spazio anche fuori dal suo sguardo. E che le stelle, no, non stiano in tasca. È un sentimentale, anche se a vederlo combattere non sembra. I chili ingannano, dico quando afferra gli avversari, fuori dagli incontri si sa: i grossi o stanno in porta o sono buoni. Il suo problema è che non è pronto ad accogliere le donne che gli appaiono come temporali sulla costa oceanica, e ci rimane male quando se ne vanno, dopo aver scaricato, che sia pioggia o baci, Rodger ci mette del tempo per riprendersi. Poi ci riprova, e poi rimane male. è successo diverse volta, una di più, l’ha segnato. Adesso ha smesso. Come una attività che chiude per mancanza di soldi. A distruggere la pazienza del grosso, è stata Leah (לאה), una cantante, neri gli occhi, vai a sapere il resto delle parole che cantava, era ebrea e le strofe erano nella sua lingua. Lui diceva: «nera e basta. Occhi suoi, pelle mia». Lei sorrideva, cantava, e dopo lo amava. Quando è finita la promozione americana, è sparita. Lui ha provato a cercarla, lei non hai mai risposto. E a Tel Aviv nemmeno gli aperto la porta. Rodger, si è seduto su una panchina poco lontana da casa sua, e ha ripensato a dove metteva le mani mentre lei cantava, dolce, in una lingua misteriosa per le sue orecchie non per il suo cuore. E quando ha  riaperto gli occhi, era sempre solo, con il fiato dondolante degli ubriachi. Ci ha messo due giorni per riuscire ad alzarsi e andarsene. Qui non fa freddo e la gente non cammina curva come a New York nell’indecisione di alzare sguardo e bavero, non guarda le donne che passano, adesso nota queste inutili differenze tra abitanti di posti diversi. Leah, l’ha fissato dalla finestra, una sola volta, prima di andare a letto, come un astronauta la terra, ma senza nostalgia, e si è chiesta, con una normalità, che agli occhi di Rodger sarebbe una fucilata, «cosa vogliono tutti da me?»

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , ,

One thought on “no charge, Rodger

  1. franco ha detto:

    E’ l’improvviso cambio finale del punto di vista la meraviglia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: