Boiling Point Alone

Eli and David (2005-06), from Lucian Freud Portraits at the National Portrait Gallery.Mi chiamo Frederick Manaus e non sono uno di voi. Anche se provate non lo sarò mai, il perché ve lo dice la mia biografia, per quei pochi che non la conoscono, per tutti gli altri, basta il mio nome. Ci sono migliaia di articoli su me e Clinton, no non il marito di Hillary ed ex presidente Usa, ma il mio cane, che qui vedete rappresentato da Lucian, dopo molte insistenze, sue, ovvio. Perché ho chiamato il mio cane Clinton? Devo spiegarvelo? Potete arrivarci da soli. Fate uno sforzo, ecco, sì per quello, visto? Era semplice. Ora torniamo a noi, sono un ex tennista e la cosa non mi annoia, non ho aperto una fondazione per bambini orfani o poveri, me ne guarderei bene, non ho mai fatto beneficenza in vita mia, e quando ho regalato qualcosa non l’ho prima confessato in conferenza stampa, non faccio commenti sui tornei che ho vinto meno ancora su quelli che la stampa chiama i miei eredi, io non ho eredi, non sono uno di voi, pensavo fosse chiaro il concetto. Mi piace vedere i volti confusi dei giornalisti davanti all’inspiegabilità della mia indifferenza, si tratta solo di essere oltre, una condizione che non si può capire al massimo si può vivere, sempre che abbiate la mia forza, la vedo difficile, ma aspetto sempre di essere stupito: per questo non ho mai aperto la Bibbia. Mi dicevano tennista senz’anima, e io ridevo, perché intanto vincevo, ora mi dicono ex tennista senz’anima, continuo a ridere anche se ho smesso di vincere, alla lunga stare davanti a tutti annoia. E a tutti quelli che mi dicono io ti sono amico chiedo di fare un passo indietro, per chiudere la porta. Il fatto è che ho investito bene i miei soldi e ora ne ho tanti da non sapere cosa farne, non ho cercato nemmeno di sfuggire alle tasse come un Depardieu qualsiasi, la sua volgarità è tutta nel portamento, non ha stile, è uno di quelli con la camicia sporca persino quando l’ha appena tirata fuori dall’armadio  Non so se mi capite, se non ci riuscite fa nulla, ho sempre Clinton. Le donne, poi, questi elettrodomestici con le tette, ne ho abbandonate una quantità sconfinata, senza azioni eclatanti o furtivi, ma come si fa con i rifiuti ingombranti, chiamando l’apposito numero, e lasciando anche una mancia. Mai rimpianto nulla, nemmeno le poche sconfitte, mica sono Agassi, non dovevo dare conto a nessuno, io giocavo per piacere il resto è arrivato di conseguenza. Prima di Clinton avevo un altro cane: Reagan, perché l’ho chiamato così? Per via della memoria da pesce rosso, e se non capite il legame, non posso mica spiegarvelo io. Non sono mai finito in uno scandalo come Tiger Woods, vedi teoria della camicia Depardieu, non ho nemmeno ucciso una eventuale moglie per poi farmi scagionare per l’errore di un poliziotto razzista, il sangue rimane, non è come il fango, puoi farti assolvere e pagare tutti i soldi che hai, e prima farti inseguire, ma poi alla fine il sangue ti rimane addosso, e io ci tengo ad essere pulito, mica sono un teppista da strada o uno di quei mafiosi russi che finiscono sempre per conservare la puzza delle loro fredde strade di provincia industriale. Hanno la pelle sporca di sudore, e nemmeno i profumi francesi li salvano, possono comprare le squadre inglesi e far contenti gli ubriaconi, imparare l’inglese e farsi tollerare, ma non avranno mai la forza per farsi disprezzare per quello che pensano, di raggiungere il mio assolutismo di gioco e linguaggio, per questo ho smesso di uscire di casa, qui a New York, sono ovunque. E per quanto si cambino tutti i giorni non hanno sorprese, sono vuoti, più vuoti delle donne che si portano dietro. Per questo resto qua, nel mio attico, fermo su me stesso, nell’unico punto non contaminato. E non sono frammentabile o replicabile, perché non sono uno di voi. Non potete nemmeno assorbirmi né imitarmi ma solo ammirare la mia unicità, come sotto rete, come al Letterman Show, come con David Mamet.

Image of Lucian Freud

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , ,

2 thoughts on “Boiling Point Alone

  1. ming ha detto:

    io so che tu sai che io so //

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: