First Day

380354_562584333758766_1415918412_nPaul Gibson, era il fondatore del “First Day”, un settimanale eccezionale: fatto completamente di storie false. La ricetta era: articoli brevi per balle grossissime. Falsi scoop, interviste rigorosamente di fantasia a sconosciuti messi in posti chiave e trasformati in potenti, ritratti di uomini e donne che stavano per sfondare con idee bizzarre, tipo la confezionatrice di aerei da guerra, il pittore dell’infedeltà, il muezzin che svisava blues, etc. Paul immaginava di tutto, raccontandolo con un tono serissimo, scrivendo editoriali su cose mai accadute, o facendo commentare l’assurdo a esperti che uscivano dalla sua immaginazione. La rivista vendeva bene e spesso nessuno notava la differenza con le altre. Quando le copie scavalcarono le riviste “vere”, disse: «Sono vivo fin quando non ho una casa di proprietà e dirigo un giornale il cui scopo principale è disertare la verità».

Annunci
Contrassegnato da tag ,

One thought on “First Day

  1. Rita ha detto:

    Mmmmmmm, “interviste rigorosamente di fantasia a sconosciuti messi in posti chiave e trasformati in potenti, ecc”.Tutta roba vera insomma. Grande Marchitell, come al solito!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: