Archivio mensile:agosto 2013

nuova clinica San Paolo-Dino De Laurentiis

67e1c72a5d3cfc19380f6a706700143a--U20867243581qoE-253x240-085--473x264Dopo l’incidente a Gonzalo Higuain, il presidente Aurelio De Laurentiis oltre le numerose cause intentate a Comune, Provincia e Regione e quella contro la conformazione orografica dell’isola di Capri, ha chiamato il sindaco de Magistris e gli ha fatto la proposta: «inglobo il San Paolo in una clinica, che costruisco intorno, che ne dici? Il primo stadio-clinica del mondo». Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Tyson corner

IMG00417-20101101-1554Brutto, sporco, cattivo e implorante. Sì, anche Mike Tyson è capace di chiedere aiuto, e dopo essere andato al massimo vuole una mano per rientrare nella normalità. Chiede di essere portato in spiaggia, basta onde, basta surf tra un eccesso e l’altro, basta tutto: spettacolo e rabbia, amore e odio. «Io voglio vivere la mia vita sobria. Io non voglio morire. Sono sul punto di morire, perché sono un alcolista», questo il racconto dell’ex campione dei pesi massimi al programma della Espn Friday Night Fights. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Way to blue

Mark BlinchMessia Brown, surfista, sapeva che tutto era stile: a partire dall’entrata in acqua. Per questo imponeva al suo gruppo una rigida disciplina: sia in spiaggia che fra le onde. Niente a che vedere con la poesia: «è solo acqua che s’alza e poi cade, tutto sta nel saper avere equilibrio», poi distendeva la tavola da surf e andava, e noi lo seguivamo.

Photo of Mark Blinch 

Contrassegnato da tag , ,

Everything’s not lost

RAFAEL SANZ LOBATO4Per chi attende la vita nei giardini pubblici non ci sono regole. Tra ansia, baci, donne, alberi, traffico e cantieri sta la città, in mezzo ci sono loro: gli ignoti, costretti a tirare via le speranze dalla fronte. «Quelli che Dio ha spento la luce e va bene così». Non rispondono agli appelli universali, non vanno a votare, non hanno responsi mistici, non devono accompagnare nessuno a scuola, sono soli, ed è già tanto. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , ,

Show me the way

Breitenbach-07Al tempo non importa niente di noi, sa che la paura è storia, e quando verrà a cercarci ci troverà in scomposte camere da letto, a sognare un albero sul quale vorremmo salire per guardare gli altri dall’alto: convinti che quello è il nostro mondo di salvezza. Se svegli: proveremo a supplicare, accampando scuse passate, carità di respiri. Non sappiamo mai quando sarà veramente la nostra ultima volta, e per questo ci prendiamo molto molto sul serio. Soprattutto gli scrittori si prendono sul serio, invece, dovrebbero capire che le loro opere sono disperate e inutili, proprio, come le foto di moda.

Photo of Josef Breitenbach

Contrassegnato da tag , , ,