Archivio mensile:ottobre 2013

Maramusical

Maradona_290x_Abbiamo visto ieri sera a Cannes il musical di Alan Parker sulla vita di Diego Maradona, una opera enorme, barocchissima, che usa dai cartoon al bianco e nero i linguaggi più diversi, con le musiche di Manu Chao e le campionature di RZA (una lode a parte per la riscrittura delle melodie arabe), e ha dalla sua un cast stellare: nella parte di Maradona c’è Benicio del Toro, in quella di Claudia c’è una straordinaria Raffaella Carrà che non smette mai di stupire, Coppola è interpretato da Michael Douglas, Ferlaino è interpretato da Antony Hopkins, Val Kilmer (tra le rivelazioni) è Menotti, c’è persino Eric Cantona nella parte di Raul Castro accanto a Morgan Freeman che invece è Fidel Castro, Catherine Zeta-Jones è la Sinagra, Pelé è Samuel Jackson, Blatter è un invecchiato e ingrassato Quentin Tarantino, Continua a leggere

Contrassegnato da tag

Il corpo come introduzione

1388580_10202221064318394_406357791_nIl suo corpo si stende sulla nostra memoria: immolato, offerto, maltrattato, consumato. È morto su una spiaggia perché davanti al mare si è sinceri. Ed è diventato un aggettivo. E a pensarci bene, dopo tutto questo tempo, quando? Un posto, una persona, un film sono diventati pasoliniani? Non so bene, quello che so è che sono in troppi a usarlo, e spesso in modo sbagliato. Trentotto anni senza Pierpaolo Pasolini. Una vita adulta. Segnata dal vuoto, di un poeta: vero, ultimo, totale, col suo viso marcato, da pugno chiuso, ossuto e torto, un poeta d’istinto, che scriveva anche versi brutti, ma dentro, in mezzo c’era la vita, tenuta stretta, messa al muro, attraversata e raccontata. Oggi che l’Italia si è fatta borgata, che Accattone è diventato senatore, e non deve vergognarsi se piagne o scommette, lui vivrebbe altrove, forse al Cairo, Rio de Janeiro, Stoccolma, Continua a leggere

Contrassegnato da tag

Coney Island baby

loureed3E se vi dicessi che per un periodo della nostra vita abbiamo misurato il valore delle cose in loureed, se vi dicessi che per noi “conìailandbebi” era un modo di fare, e “gloriovlovve” era l’inno quando si tornava, e quando abbiamo scoperto che Drella era per Andy Warhol un po’ ci siamo rimasti male, però lui ci aveva spiegato perché dovevamo andarcene via lontano “Smalltauvn”, e anni dopo quando qualcuno di noi, davvero, si è perso in un divorzio ritrovandosi al cospetto un giudice donna, of course, dove la misura delle nostre vite stava nella rima tra divorce e course, una retta che potevamo risparmiarci, e, invece, loureed si è fatto persino divinità, Continua a leggere

Contrassegnato da tag

Salviamo Maradona

mBisogna salvare Diego Maradona da Gianni Minà, da anni gli fa le stesse domande e lui fornisce le stesse risposte, sembra di vedere un vecchio spettacolo di cui sai già tutto, conosci i tempi e le battute e non ti stupisci più, anzi ti viene tenerezza a pensarli ripetere il copione. Perché sono invecchiati, perché tu conosci già dove cadranno e quando il campione piangerà, dove ci sarà l’applauso e quando partiranno le immagini di repertorio. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , ,

Bane

Felipe DanaSono cominciate le evacuazioni delle zone A-E della Campania, con l’aiuto dell’esercito americano e dopo mesi di trattative, con molta lentezza, la maggioranza dei cittadini ha accettato di lasciare la regione. Anche ora con l’esodo forzato in corso, e con l’accettazione delle decisioni governative e l’appoggio della Nato, le manovre non sono affatto facili. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,