Una banana vi seppellirà

10264828_845077898839627_7417577612178003619_nPiù ironico di Rosa Parks meno ideologico di Tommie Smith così Dani Alves, con un gesto beffardo, ha risolto una domenica di tristezza: irridendo il razzismo che gli era piovuto addosso sotto forma di banana. Partita del campionato spagnolo, Villareal-Barcellona, il difensore brasiliano, sta per battere un calcio d’angolo, quando gli arriva davanti ai piedi e al pallone una banana dagli spalti. Si abbassa, la raccoglie, la sbuccia e se la mangia. E dopo essersi anche pulito le mani sui pantaloncini, calcia il pallone in mezzo, come se niente fosse, cancellando le offese con la naturalezza e l’ironia, che prima hanno sorpreso il guardalinee che gli stava alla destra, dopo l’intero stadio e poi il mondo, sì, perché il video del suo gesto è diventato virale. Da Facebook a Twitter, da Youtube a Instagram vi imbattere in una numerosa squadra che da Neymar a Mertens mangia banane, per dire No al razzismo. Da calciatore a comico passando per leader, Dani Alves da offeso si è declinato in risposta generale, opposizione. La sua grandezza sta proprio nell’accondiscendere l’offesa, nel dichiararsi scimmia, annullando completamente l’accusa, rendendo il gesto: una recita clownesca. E, proprio mangiando la banana si è fatto corpo, con i piedi di Rosa Parks che le facevano male – così rispose a chi le intimava di alzarsi da un posto che le era negato –, con le braccia di Tommie Smith alzate al cielo di Città del Messico, ora la bocca e soprattutto la testa di Alves, completano il corpo, si fanno trilogia, di un Cristo nero, che va a pranzo a casa di Levi Matteo, un esattore delle tasse, un ebreo traditore perché votato a Roma, con i pubblicani e i peccatori, tra le ingiurie e le proteste dei farisei, come racconta Marco nel suo Vangelo. No, non li ha redenti ma li ha spiazzati. D’ora in poi ad ogni banana lanciata verso un atleta nero ci sarà sempre questa risposta, il metodo Dani Alves, che si diffonderà, lo sta già facendo, arrivando ai ragazzini che poi saranno gli spettatori di domani e una banana diverrà la spoliazione degli idioti, al pari della mela che fa pensare al peccato. Ed è un cross anche per quello che sta succedendo negli Usa, con il basket, dove Donald Sterling – proprietario della squadra di basket dei Los Angeles Clippers – chiede alla sua compagna di non farsi fotografare insieme a dei neri e di non portarli alle partite della sua squadra. A parte che il basket senza neri è come il calcio senza brasiliani, sarà accontentato: in queste ore stanno reagendo in molti da “Magic” Johnson a Shaquille O’Neal, da Kobe Bryant fino a Barack Obama che gioca maluccio ma conta moltissimo, e no, non ci andranno. Quello che di sicuro avverrà dopo la diffusione del gesto di Dani Alves – che diverrà pure metodo – sarà che ne faranno una opera d’arte, una istallazione fissa, e quel video ce lo ricorderemo, diventerà “Dani Alves ha fatto merenda dei razzisti”. Dite a Lilian Thuram che ha un nuovo nome da aggiungere nel suo bel libro di stelle nere. E va bene tutto, basta che non lo rendano e non si renda conforme, che non si riduca a gesto estetico. Perché se siamo qua a scriverne e in rete a postarlo tuttamanetta è perché il suo è stato un gesto di bellezza, di intelligenza, di ironia che è sempre l’arma migliore contro il male. La risata fa paura, per questo le Pussy Riot spaventano Putin, per questo Ai Weiwei preoccupa la Cina, perché ridere del male spoglia il male, che poi era la lezione di Charlie Chaplin.

[uscito su Il Mattino]

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , ,

One thought on “Una banana vi seppellirà

  1. […] banane come strumento di offesa razzista. Trent’anni e passa prima di quanto accaduto a Villareal a Dani Alves, un’altro calciatore nero subiva una rappresaglia […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: