Archivio mensile:novembre 2014

Prada veste l’Italia

Guido HarariIl centrodestra italiano ha finalmente il suo candidato premier: Miuccia Prada, la stilista che dopo aver fondato il movimento “EC” (Eleganza Cruda) ha messo d’accordo tutti, da Berlusconi in giù. L’unico a non averla presa bene è stato Matteo Salvini, anche perché la signora lo aveva definito «un truzzo con quelle felpe da ultrà». Il nuovo linguaggio politico italiano parte dall’estetica, è così che Miuccia Prada sta scalando la vetta dei consensi. Matteo Renzi – «un cameriere, con quelle camicie bianche può giusto servire ai tavoli dei vertici» – si dice non impensierito. Ma la Prada rischia di essere la nuova Berlusconi, venti anni dopo, con molta più classe, e quasi un partito monarchico alle spalle. Il suo programma è da regina, con un piano quinquennale di decurtazioni fiscali, investimenti al sud, con un rinnovamento che è prima artistico e poi politico ed economico. Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Ronaldo-Messi, rivali in grandezza

imagesHanno portato la velocità nel calcio a una dimensione ultraterrena, e ora stanno spostando anche il numero di gol che si possono segnare: da pallone a cifre da flipper. Come attestano le gazzette: Cristiano Ronaldo e Lionel Messi sono gli uomini in più, e prima ancora i calciatori che più macinano: gol. Ronaldo è in testa alla Liga con 20 gol, Messi è a 10 ma ha appena battuto il record di Telmo Zarra, calciatore basco, che fino a qualche giorno fa con 251 gol era il maggior marcatore del campionato spagnolo. Messi è andato a 253, con i suoi guizzi serpigni, le sue palle piazzate negli angoli, le sue punizioni maradoniane. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

ulissidi

344928_0_0Appartengono alla categoria degli “ulissidi” – secondo la definizione di Edmondo Berselli – allenatori curiosi del mondo prima ancora che delle partite, intelligenze “greche” che rimasticano Platone, Aristotele, Socrate e lo applicano agli uomini e al calcio. Sono altro dalla normale folla che si siede in panchina. Questo è evidente persino a chi non li sopporta e li vorrebbe sconfitti e in torto. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

Piero Manzoni

Piero_Manzoni_foto_Giovanni_Ricci(1)Criticato, deriso, sottovalutato. Stimato, esaltato, ammirato. In questa oscillazione di giudizi c’è Piero Manzoni. Genio e ironia.  Pittore, scultore, artista materico-concettuale, anticonformista, figlio di Marcel Duchamp, fratello minore di Yves Klein, padre di Damien Hirst (e dei suoi animali morti esposti sotto teca) ma anche della beffa di Livorno (quando tre studenti burlarono buona parte della critica d’arte con dei falsi Modigliani). Incarna in pieno lo sconcerto che sempre creano le avanguardie. Il dubbio dell’arte moderna.  Magnifico, effimero, mutante, linguaggio che porterà – oggi come ieri –  un padre, un maestro, un prete, un pensionato ad arrampicarsi su un’opera di Maurizio Cattelan, a dire che c’è un ragazzo che disegna meglio di Pablo Picasso o che sa fare tagli e buchi come e più di Lucio Fontana. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Guido Morselli, due vite

guidomorselli-14-32-32-inncom-8Due vite, un solo corpo a dividerle. La prima: reale, spesa a scrivere e ad essere rifiutato. La seconda: trasposta, che aleggia fra consensi e trionfi. La normalità e il sogno. L’ufficiale e il saggista. L’agricoltore e lo scrittore. Guido Morselli è stato il muro che le spaccava in due, che lo separava dai suoi desideri, fino a quando non ha puntato una Browning alla tempia e ha fatto fuoco, notte fra il 31 luglio e il 1° agosto del 1973, «non ho rancori». Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,