Fuoco blù

FIRE_1Song’ tre anni che appiccio machine ‘ra polizia, vago ‘ngenziando come ‘nu cane ra’ presa pel’autogrill, aqquadro la situazione, mi annascuo, quanno i maccaroni scengono a pigliare ‘o cafè, li posteo e come trasono, ci piscio una tanica di benzina e rongo fuoco. È ‘na fatica ‘o saccio, ma vulite miettere ‘a soddisfazione ‘e verè ‘e fiamme che arravogliano ‘o blù? Tengo un metodo che è cchiù meglio ‘re paranze, con la machina in moto scenno e faccio ‘u fatto, aroppo sgommo e vago via cantando comm’ a Modugno a uso mio, però: nel blù delle fiamme | e ancora cchiù blù | ci sta Vicienz’ ‘o piezz | che ti appiccia tutto ‘o riest. Non addomandatemi quelle cose da mierici: pecché ‘o fai, che te ne viene, e chellate cose che mi abboffano la vuallera, ‘o faccio pecché tengo lo stomaco di appicciare, prima ‘e tutto, poi tengo pure ‘e motivi familiari: dopo ve li conto, pe’ mmò quello che è sicuro è che ci sta chi appiccia ‘e boschi, chi appiccia ‘e palazzi, chi appiccia ‘a ‘nammurata, chi appiccia ‘a munnezza, e io appiccio ‘e machine ‘re sbirri. Sento ‘nu piacere creaturo, come la sborra, mentre ci dò fuoco, è come quanno mi chiavavo le negre sulla Domiziana, mmò sto incapato con le machine e nun tengo tiempo di tornare, è come ‘na fatica, mi squaglio proprio, l’aggià fa, è cchiù forte ‘e me. È ‘nu progetto ‘e vita. Non vi saccio spiegare propeto buono se song ‘e lampeggianti o ‘e divise o pure il fatto che posso appicciare le palette e le mitragliette, nun ‘o saccio, chello che saccio e buono è che devo appicciarne una ‘a semmana, e sti maccaroni mica si appreparano no, penzano come facimmo tutti ca’ morte: vuoi che vene propeto ‘a me stammatina? E cchella propeto vene, ti scamazza, e ci rimani come ‘a sputazza ‘re viecchi. Io mi chiamo Vincenzo Frollo detto ‘o piezz per via che faccio ‘o tagliacarne, ‘o macellaro, quanno tengo la capa, quanno no ci sta, anzi ce steva mia moglie Carmela, Carmela Rametta, di anni 31 e di figli 4, è da quanno che si è incapata con la vegetaritudine che io mi songo messo ad appicciare le machine. È ‘na risgrazia ruossassaje che a confronto il derby JuveStabia-Nocerina è ‘namichevole po’ bene ‘ro paese. Mmò ditemi voi se io: Vicienz’ ‘o piezz pozzo chiearmi ‘a libretta annanzi a ‘na disgrazia ‘e queste. Apprima non ci ho addormuto ‘a notte, spassiavo ‘ngoppa ’a tangenziale, aroppo ho principiato ad appicciare la munnezza, sissignore erano le nuttate di fieto mazzamma e lota, e quanno aggio visto ‘a camionetta degli sbirri appicciata a Ponticelli e mi songo trovato tra le cosce il creaturo mio che ‘ntroncoliava a festa, che immodestamente è un ajniello di tre chili, non c’aggia capito chiù niente, ‘na semmana ‘e sperpetuamenti, e po’ ‘na nuttata appizzo l’uocchi pe’ ‘sta machina ‘re sbrirri: ‘na centocinquantasei, e senz’ appaurarmi, mi levo il cammise di sango, scippo ‘na maneca, la arravoglio a fronna, scengo, passiando come terminatòr – che io immodestamente so’ pure cchiù ruosso –, arapro il serbatoio, appiccio la maneca e buonanote ‘a machina. Quanno mi song’ accuoto a casa mia tenevo ‘nu suonno ma ‘nu suonno che appena appoiato ‘so caruto come ‘a nu piro sicco. ‘A matina ‘aropp, sì, mi cacavo sotto ma nun è succieso niente. Muglierema è restata incapata con la vegetatirudine ma io mi songo trovato una pazziella che mi arrecrea il pesce e le cervella. Attremenno che appiccio arraspo e attremenno che fujo sborro. Se nun avite mai visto ‘na machina che si appiccia nun potite sentere chello che sento io, no, chelle rinto ‘e firme pure chilli ammericani nun songo ‘a stessa cosa, ci ammanca l’addore che poi è fieto, ci sta a chi ci piace chello ‘ro mare, a chi chello ‘ra muntagna, ‘a chi chello ‘ra fessa, a me chello ‘re machine degli sbirri. Ci deve stare un norico tra ‘e cunti ‘ro nonno mio che jett’all’Africa e mi riceva ‘re carrearmate ‘nglisi, che isso acchiamava ‘e sangmaronna, e che anzieme allati appicciavano, è chesta cosa qua che mmò a mme mi arrefresca le stentine, chello che nun saccio è se ‘e carrearmati tenevano ‘e lampeggianti. Quello che è cert è che ‘o nonno mio schiattava ‘a capa ‘e vacche e appicciave ‘e carrearmati. Io schiatto ‘a capa ‘e vacche e appiccio ‘e machine ‘ra polizia.

 

Annunci
Contrassegnato da tag , , , ,

2 thoughts on “Fuoco blù

  1. anonimi ha detto:

    Di fantasia?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: