Sonny Liston era mio amico

Floyd Mayweather Jr. v Manny PacquiaoLa boxe non è mai stata un pranzo di gala. Lo sapevano Mao Tse-tung, Norman Mailer, Jack London. E per fortuna non hanno visto l’incontro del secolo: Floyd Mayweather contro Manny Pacquiao. Dei due pugili sapete quello che sanno i loro commercialisti: tutto, per questo non vi ripeterò l’elenco delle cose che erano state apparecchiate per questo incontro, di quello che era stato promesso ma solo di quello che non si è visto. Intorno al ring c’erano tutti quelli che ci dovevano essere e di fianco a loro un mucchio di tv, radio e giornali, mancava solo la boxe. Sappiamo tutti che Mayweather è un po’ più pugile di Pacquiao almeno secondo i canoni del pugilato prima che diventasse un programma del palinsesto notturno e ora l’attrazione di Radio Deejay, ma questo non lo mette in salvo dai tormenti della memoria di un incontro senza pugni. Se siam passati da Hemingway a Linus un motivo ci sarà. La boxe è sparita quando è cominciata la moltiplicazione delle categorie, e soprattutto quando ha smesso Mike Tyson – che non a caso si è definito un criminale, chiamando i due sfidanti: uomini d’affari – l’ultimo a portare la strada sul ring e downloadviceversa. L’unico assalto di vera boxe l’ho visto portare dalle tette di Beyoncé che si sporgevano selvagge dal suo vestito rosso –  difesa bassissima – a colpire gli occhi di chi le guardava, il resto è stata boxe di sottrazione. Emanuela Audisio ha scritto: «Ha picchiato di più e meglio la mamma di Baltimora in cinque minuti che non i due pugili in mezz’ora. Ci voleva una magia per accendere il match del secolo, peccato che tutti i prestigiatori fossero impegnati in altri miracoli». Non bisogna promettere miracoli se poi non si è in grado di realizzarli o almeno di bordeggiarli, avrebbe detto il predicatore Foreman. Dio è sempre meglio lasciarlo fuori dagli sport. Las Vegas ha visto di meglio, per questo meritava di più. C’è persino chi è contento della strategia di Mayweather: un catenaccio dignitoso – in diversi hanno vinto delle Champions League, così  – , e chi ritiene Pacquiao un grande pugile – figuriamoci c’è gente che si fa raccontare il derby Boca Juniors-River Plate da Baricco – . Entrambi sono stati aiutati dalla boxe, migliorati, portati non solo a un livello economico elevatissimo, salvati. Entrambi alla boxe hanno dato poco, tra l’istinto e il business plan, hanno scelto il secondo, per questo non appariranno nella foto di famiglia del grande pugilato.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , ,

3 thoughts on “Sonny Liston era mio amico

  1. rodixidor ha detto:

    Non ho visto l’incontro del secolo pero leggendoti mi rammarico solo per Beyoncé 🙂
    Dovresti scrivere della mamma di Baltimora, penso ne verrebbe fuori un gran pezzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: