Il profeta Cruijff

Quando i giornalisti italiani andavano a intervistare Gabriel Garcia Marquez, alla fine, lui, gli diceva sempre la stessa cosa: «Lei torna subito in Italia?» Chiedeva con quel disincanto che i baffi accompagnavano alla perfezione, lo sprovveduto di turno rispondeva: «Sì, certo». E lo scrittore rilanciava: «Allora mi saluti Cesare Zavattini», buttando, distratto, l’amo, poi si voltava, aspettando la risposta che puntuale, dopo lo stupore, arrivava: «Ma Zavattini è morto». Marquez, faceva passare dei lunghi momenti che nei più ingenui lasciavano immaginare demenza senile, vuoto, o peggio che la notizia gli arrivasse per la prima volta, poi sorridendo, lo congedava con la verità, la sua verità: «Zavattini non può morire». Così, oggi, quando ho letto dell’annuncio della malattia del profeta Johan Cruijff, ho ripensato a Marquez e Zavattini.

Annunci
Contrassegnato da tag , ,

One thought on “Il profeta Cruijff

  1. stefano gecchele ha detto:

    spero guarisca adesso è possibile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: