Tentativo di dire grazie a Marco Pannella

L’italia e i suoi presidenti della Repubblica, i suoi governi, i suoi primi ministri, non hanno saputo né voluto dire grazie a Marco Pannella (Giacinto), per questo ora gli sfilano in casa. Andava nominato senatore a vita, poi lui avrebbe rifiutato con un discorso pieno di insolenza “elaborata coprolalia e blasfemi barocchismi” come disse Giorgio Manganelli, rimane un atto mancato. Una azione concreta, per dirgli grazie, ancora non c’è. Pannella è stato molte cose sempre rimanendo se stesso, ha flirtato col potere senza averne, ha regalato perlopiù la libertà a uomini e idee, ha laicizzato il nostro paese e cannibalizzato il suo partito (per questo riusciva a digiunare così a lungo, mangiava segretari, deputati e senatori); ma dopo Palmiro Togliatti (col quale ci fu una fitta corrispondenza) rimane l’unico vero grande maestro della politica italiana, capace di insegnare e disperdere, concettualizzare e tradirsi, immaginare e perdere, tutto insieme. Un collettore di libertà, giuste / sbagliate, vere / false, non ha importanza, quello che conta è il risultato (su tutto aborto e divorzio), e lui ha vinto fuori casa, con una squadra sgangherata e un mucchio di talenti allevati e spediti per altri partiti. È stato bulimico di pensieri e parole ma mai banale, ossessivo, invadente, fracassone, non guadagnandoci nulla però. Ostinandosi al non possesso, tranne che del suo Partito Radicale (considerandolo una sua protesi). Per questo Pier Paolo Pasolini, Leonardo Sciascia e Jean-Paul Sartre lo scelsero, per questo Toni Negri non poteva conviverci e invece ci riuscì benissimo Enzo Tortora. Pannella è un mondo, che a maggio compirà 86 anni, anche se è malato da un po’, anche se ha diradato azioni e comizi (che se la giocano con Fidel Castro in lunghezza temporale). Per questo voglio dirgli grazie, ora. È stato un politico fiammeggiante, in mezzo a gente grigia, ferma, lui ha sempre saltato, fatto luce, ammuina, una voce che disegnava strade e un corpo che le percorreva con ostinazione, senza paura, forse con qualche calcolo di strategia. Scomodo e creativo, è stato sempre avanti anticipando un mucchio di cose, fondando e lasciando giornali e tivù, quasi giocando con le sue imprese. La sua forza è stata proprio questa capacità di stare sul confine tra Palazzo e strada («che mi è amica», ha sempre detto), un trapezista sul baratro che una volta, per gestire due miliardi di lire stanziate per la fame in Africa dopo una grande campagna, si offrì come sottosegretario agli Esteri dell’allora ministro Giulio Andreotti, ci pensate? Ovviamente Andreotti scelse altro, credo un socialista, per ragioni di opportunità ed equilibro, ma Pannella con Andreotti agli Esteri sarebbe stata la coppia d’attacco più bella mai vista, non si fece ma rimane un romanzo da scrivere. La sua spalla politica è stata Emma Bonino, capace di smarcarsi senza abbandonarlo, di resistere senza mai sopraffarlo, di sopportarlo fanculizzandolo (mille volte) e venendo fanculizzata (mille e una volta), una coppia di fatto che ha sempre puntato a obiettivi affascinanti, disegnando orizzonti troppo ampi per un piccolo paese come l’Italia. A volte è sembrato un pirata, uno tipo Samuel Bellamy, che con una nave sola in mare muoveva verso chi ne aveva cento; a volte è apparso collodiano, un grillo cresciuto, divenuto un gigante, che stava sopra il Palazzo, inascoltato, ululando alla luna o digiunando in tivù; a volte è apparso come un Manuel Fantoni che si muoveva tra uomini, donne, droga e dissidenti; a volte è stato sul punto di essere ministro, presidente (una volta lo immaginai Presidente della Repubblica), ambasciatore, direttore, mai veramente; altre volte c’è chi giura di averlo anche visto persino fermo. Wojtyla lo accarezzò, il Dalai Lama rise molto, Craxi latitante lo usò come confessore e sponda. Dietro ogni sua sigaretta c’è un programma politico, per ogni boccata la costruzione di qualcosa, e non per l’arabesca aleatorietà prodotta in Radio (radicale, ovvio) o nelle milioni di discussioni ma perché l’uomo è complicato, anche quando fischietta, o si mette a tagliare giudizi con l’accetta. Così, all’annuncio della malattia sembrò che smettesse, costretto, e crebbe il gelo, l’amarezza per tutti noi che lo guardavamo fumare e urlare, fumare e strafare. Ma poi tornò a rassicurarci con i toscani, e qualche manciata di Marlboro. Il fumo fa parte del suo lessico, scandisce la sequenza delle frasi, assicura il ritmo e stempera l’impulso prima del definitivo attacco. Quando Filippo Ceccarelli, anni fa, gli chiese della morte e dei suoi funerali, lui rispose prima da quasi buddista e poi da Pannella. Sulla morte disse: «la vita è eterna, quando uno muore, miliardi di atomi se ne vanno nell’aria, come miliardi di pensieri, [..] muore chi ha paura di morire. Io spero di accoglierla con grande famigliarità, spero che in un qualsiasi momento, soprattutto la notte, quella arrivi e io possa darle il benvenuto, felice di trovarmi così, ehi, vieni, vieni qui». E per i funerali: «Magari, per fregarvi, non li rendo nemmeno pubblici. Bisognerà vedere se per il partito sono convenienti o no. Il partito è per me una ragione oggettiva di vita. La mia vita dopo tutto è la storia del partito e come coautori ha i compagni, i radicali ignoti. Io sono una persona comune e qui sta il segreto della durata». Francesco De Gregori nel “Signor Hood”, con molta autonomia, cantava a proposito di MP: «un galantuomo / sempre ispirato dal sole / con due pistole caricate a salve / e un canestro di parole». È quello che non molla né smette, quello che ha sempre un’altra soluzione – spiazzante – da Saddam Hussein fino a Gheddafi passando per Milosevic. Uomo sandwich, uomo delle carceri e dei digiuni, della pace e dei dibattiti, opportunità per sentirsi fighi, giusti o per recuperare posizioni e credibilità; a guardare le sue foto, la sua agilità, sembra eternamente giovane, persino ora che non sta bene, ha fregato pure Dorian Gray in ego e narcisismo, ma è ancora presto perché gli venga riconosciuto il ruolo da protagonista, da padre della patria senza mai averlo chiesto, vivendo l’«onorevole mendicità dei chierici vaganti» arrivando a fare del suo partito una famiglia, una setta, un mondo con quale palleggiare, fumando s’intende. Ha sempre dato l’impressione di avvertire un oscuro, profondo, piacere nel perdere, quasi che ogni volta – PCI, DC, PSI o Forza Italia e PD – fosse oltre, proprio perché sconfitto, escluso, e, infatti, il giorno dopo era di nuovo sulle barricate a sventolare la bandiera di qualche diritto mancante, mentre i vincitori apparecchiavano.

Annunci
Contrassegnato da tag ,

2 thoughts on “Tentativo di dire grazie a Marco Pannella

  1. rodixidor ha detto:

    Forse un po’ troppo benevolo il tuo necrologio (immagino sia morto), ma comunque ci sta, sicuramente un combattente leale, un galantuomo. La nomina di senatore a vita sarebbe stata offensiva per lui, quella è oramai un conferimento da attribuire a Mario Monti o giù di lì.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: