The Man Who Sold the World

Un uomo, il suo camion, e sul retro: l’ultima mucca. La strada segnata, le buche conosciute, il macello come traguardo. L’uomo guida, la sua azienda scompare, la mucca muore. Lungo la strada qualche bimbo si volta e a bocca aperta guarda la bestia e i suoi grandi occhi. Si sale, e nei tornanti le corde tese tengono l’animale segnato. L’uomo fuma, ha la fronte bagnata e la camicia sporca. Ha fatto mille volte il percorso, e mille mucche son finite nei banchi della carne. Questa è l’ultima, niente gli appartiene più. Presto sarà tutto della banca. Ma prima del macello, l’uomo si ferma. Scende. Il camion è in una strada deserta, intorno solo erba, alberi, silenzio. La mucca lo guarda. Lui ricambia. Si avvicina con la lentezza di un dio, monta sul camion, la guarda ancora una volta, poi l’abbraccia, e comincia ad urlare fino alle lacrime.

Annunci
Contrassegnato da tag

One thought on “The Man Who Sold the World

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: