Archivio mensile:settembre 2016

Notturno

I bambini che toccano il clamore

e le spoglie invisibili di piume

che vanno al proprio lume.

Forse l’amore è sempre un altro amore

E l’odore al ricordo un altro odore,

di là dove nei muri voce a voce Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag

Scalfarticle

Da quando Eugenio Scalfari ha lasciato il giornalismo e l’Italia, “Repubblica” non è più la stessa. Il Fondatore ha deciso di andare a vivere a Miami, stupendo tutti, e alla telefonata di Giorgio Napolitano che gli chiedeva kantianamente il perché – e sotto sotto voleva capire se c’era posto anche per lui nella nuova casa vista oceano – Scalfari ha risposto eduardianamente: «‘a pucchiacca». E, Giorgio, ha impiegato del tempo per associare la parola a una immagine, poi ha detto a Carlo De Benedetti – che gli chiedeva se fosse riuscito nella missione di farlo tornare –: «lo sai come sono i giovani d’oggi», ed ha riattaccato. Il problema è che quello che sembrava un peso, lo spazio domenicale di Scalfari, era più d’un telegiornale: nessuno lo leggeva o se lo leggeva non capiva e se capiva si addormentava prima della fine, insomma era un servizio di pubblica utilità, che, venuto a mancare, aveva aperto una voragine. Continua a leggere

Contrassegnato da tag

Brian Clough

La tattica nella parola

che diventa trama:

Brian Clough

portava in giro

una vita a balzi

in un’Inghilterra Continua a leggere

Contrassegnato da tag

Liù: schiava, labrador, romanzo

In principio ci fu lo stupore di Giulio Anselmi: “mostrando una faccia con tutte le pieghe di un bulldog uscito scosso da una crueza genovese dopo alcuni incontri al sangue”. Seguito – di rimessa – dalla domanda kantiana di Giovanni Evangelista: «E poi, chi lo porta fuori a fare la pipì, tu?». Il resto è tutto Berselli, Edmondo, uno capace di trasformare l’adozione di un cane in un quasi romanzo, e prima di farci un sondaggio a stretto giro tra maestri. Lui, se proprio doveva scegliere, ci scherzava e poi svisava su, niente danze orgiastiche alla Matisse o Sturm und Drang, piuttosto un personalissimo linguaggio di entrata e uscita, alti e bassi, qualcosa come le montagne russe tra la Treccani e i classici, la filosofia e il calcio, l’economia e la tivù, Continua a leggere

Contrassegnato da tag ,

Ferrari Rex

Enzo Ferrari era un tiranno: della velocità e dell’immaginazione, capace di vivere a cavallo del tempo e del vuoto, senza mai scomporsi. Uomo determinato, ebbe sogni, illusioni ed ebbrezze, che trasformò nell’auto che ancora oggi è il desiderio di tutti. Ma il suo obiettivo era il futuro, per questo visse in solitudine, anche se il suo nome era sulla bocca di tutti, perché proiettato costantemente in un tempo che vedono in pochi, non ancora abitato. Continua a leggere

Contrassegnato da tag