Il referendum di Totò

Il referendum su Totò Riina si è svolto oggi in Sicilia, i parenti delle vittime di mafia, le forze dell’ordine e i giudici che erano chiamati a votare: si sono espressi. Secondo i primi dati avrebbe vinto l’opzione cinque, anche se il rappresentare delle forze dell’ordine ha chiesto il ri-conteggio. Il quesito che tanto aveva fatto discutere e che era stato voluto da buona parte dei parenti delle vittime di mafia, attraverso una grande campagna de “Il Fatto Quotidiano”, divideva in sette possibilità l’epilogo della storia del capo mafioso.

L’elettore è chiamato a decidere delle sorti di Salvatore Riina detto Totò e/o û curtu e/o la belva, nato a Corleone, il 16 novembre 1930, da destinarsi a morte entro il settembre 2017. Il condannato di seguito per brevità nominato Totò, deve scadere secondo una delle seguenti modalità:

  • Totò viene fatto esplodere come Falcone a Capaci.
  • Totò viene fatto esplodere come Borsellino in una via D’Amelio (da decidersi a sorte e senza possibilità di appello).
  • Totò viene sciolto dell’acido, ma prima dice la verità sul bacio ad Andreotti.
  • Totò viene annegato in un pilone.
  • Totò viene crivellato di colpi in un bar, in un ristorante, in auto, in un mercato, per strada, in una sagrestia, in casa sua, sotto casa sua, nei pressi di casa sua, all’uscita di scuola dei nipoti, all’entrata dell’università di un parente scolarizzato, su un terrazzo, in una campagna, alla fermata di un bus, in un parcheggio nei pressi di una stazione da sorteggiare, in un parcheggio nei pressi di un aeroporto (l’operazione può essere ripetuta nei due aeroporti siciliani principali: la prima volta ferendolo e la seconda finendolo), in una gioielleria, in un negozio di scarpe, al porto, su un peschereccio, in una scarpata, in mezzo alle scale di un palazzo, ai piedi della statua di Leonardo Sciascia, davanti al duomo di Noto (per incrementare il turismo, here is where it killed), a Lampedusa, a Panarea, alle pendici dell’Etna, sull’Etna, alla Vucciria (premurandosi di bagnare tanto prima la piazza), in uno stadio, in un garage, in un macello, in una macelleria, cadendo da una finestra della questura, sulle scale del Palazzo di Giustizia, all’ingresso di un carcere, all’uscita secondaria di un tribunale, sulle scale del Teatro Massimo (omaggio al Padrino), in un posto da definire e che comporti stupore.
  • Totò viene tagliato a pezzi e venduto come il muro di Berlino, ma prima viene lanciato senza freni lungo la Catania-Gela, così per vedere l’effetto che fa.
  • Totò sparisce nel nulla.

 

 

Annunci
Contrassegnato da tag

4 thoughts on “Il referendum di Totò

  1. rodixidor ha detto:

    Ovviamente sul sito di Beppe Grillo si può votare on-line per l’importante referendum.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: