Hai presente un canotto mordicchiato da un dobermann

Non è un romanzo, “Ipotesi di una sconfitta” (Einaudi), ma un lungo elenco di cose che conoscevamo già, e che Giorgio Falco ha pensato di farci ripassare. Una biografia che diventa l’ennesima lezione di come eravamo (nemmeno tanto belli, pare). Immaginate Luca Carboni più Marco Tullio Giordana, un po’ di Renato Pozzetto, aggiungete documentari Rai Storia sulla Milano operaia, ghiaccioli marrone dal retrogusto alla cola, spillette degli Spandau Ballet e di papa Wojtyła, un concerto di Springsteen col sindaco Tognoli, e molta, troppa, malinconia. Pagine virate seppia, direbbe Francesco De Gregori, che saltano da un lavoro all’altro e suonano come vecchie poesie. In quarta di copertina si scomodano Bianciardi, Volponi e Ottieri. Ma Bianciardi aveva una eversione allegra che manca, Volponi un risentimento ideologico che diventava estraneità aristocratica che qua nemmeno a parlarle e Ottieri raccontò l’unica fabbrica diversa nel capitalismo italiano: l’Olivetti, luce nel buio meridionale. È un Historia angusta quella di Falco che non appassiona né stupisce. Si viene sommersi da descrizioni, con una scrittura piana che ad ogni giro di pista ci fa urlare: Basta, o almeno dacci qualcosa che non sappiamo, anche solo un angolo. Tutto per arrivare a farci sapere che cosa c’era prima della sua attività letteraria, del suo immettersi «nel flusso invisibile, che esiste, la letteratura è questa cosa negli oggetti, nella materia che testimonia la consunzione del mondo». Ecco, per noi è altro.

 

[uscito su IL MESSAGGERO]

Contrassegnato da tag , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: