Martín Caparrós: stanze di patria argentina

Un romanzo di sfumature: tra calcio, tango, amore e potere. Buenos Aires anni Trenta del Novecento: in giro si incontrano Jorge Luis Borges, alla radio c’è Carlos Gardel, in campo Bernabé Ferreyra corpo e gol del River Plate, e nei bar, appoggiati alla notte, quelli come Andrés Rivarola, Pibe, un italiano che lo dice a bassa voce, una famiglia alle spalle – madre, ex moglie, figlia e debiti –, il biliardo davanti, un po’ magliaro un po’ scrittore di tanghi ma con vergogna, un traditore, un vigliacco, un uomo che dice sempre la cosa sbagliata alla donna che ama, una voce narrante meravigliosa per le pagine di Martín Caparrós  in “Tutto per la patria” (Einaudi). Al fianco di Rivarola/Pibe – che diventa vittima di ricatti e ricattatore, spia e giustiziere, in un continuo capovolgimento da un capitolo all’altro – c’è una donna di coraggio, sfrontata e anticonvenzionale, Raquel Gleizer, che forse vorrebbe scrivere, forse no, intanto va alle riunioni delle società letteraria e legge e innamora tutti, anche Borges, e diventa la complice delle avventure di Rivarola quando muore l’amica Mercedes: figlia della Baires-bene che non vuole vedere rovinata l’Argentina dalla rozzezza di emigrati, anarchici ed ebrei. Caparrós diverte molto, disegnando scene e personaggi, stanze e atmosfere come non se ne vedevano da tempo in Italia – dovrebbero leggerlo tutti quelli che scrivono il gialletto col commissario e le finte ossessioni – solo il terribile, gordo, Manuel Cuitiño potrebbe essere un romanzo a parte, pappone prima e padrone del mercato delle vacche dopo, dirigente del River Plate e vero demone della storia, affamato e spietato, che consuma cibo e uomini impartendo lezioni di vita e morte a tutti quelli che ha intorno mentre li tiene stretti tra i suoi tentacoli. È una  ‘novela negra’, con la capacità montalbániana di farci stare una epoca e una città che è una nazione, e poi con maestria riuscire a parlare del passato per dire del presente, inzuppata come è la storia di diffidenza, razzismo insorgente e polizia corrotta al servizio del dittatore di turno, una vera lezione di come si possano compromettere storia e realtà, secondo gli insegnamenti di Rodolfo Walsh (padre del giornalismo argentino) che Caparrós ebbe come caporedattore al giornale “Noticias”. Ma la forza del libro è nella sua credibilità, oltre che nel ritmo, è un gioco vero del gatto che deve prendere il topo, dove il topo è il grande calciatore di quel tempo, anzi il calcio, la sua essenza, dove non c’è mai il pallone, ma un omicidio, della droga, e una corona di ricatti e ingerenze, con in ballo il controllo sociale, oltre il campionato del River. Mai una pagina di noia, ma tormenti amorosi, prese in giro con ironia sottile, coraggio anarchico e sacrifici assurdi, e poi c’è il tango: Rivarola scrive tanghi e agisce inconsapevolmente come il protagonista d’un tango, odia Borges – perché rivale: immaginifico – ma si muove in una logica borgesiana. E forse continua.

[uscito su IL MESSAGGERO]

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

2 thoughts on “Martín Caparrós: stanze di patria argentina

  1. marcosorrento ha detto:

    Buongiorno Andrea,
    per me Caparros è un punto di riferimento costante; un libro come “La fame”, ma anche “Non è un cambio di stagione” sono attualissimi e denunciano l’ipocrisia di molte delle lotte contro la fame nel mondo e soprattutto, mai come oggi , il “dramma ambientale”. Bello anche “Amore ed Anarchia” legato alla famosa questione della Tav con il suicidio di due anarchici( tra cui l’argentina Soledad) . Essendo io un amante della non fiction e/o della famosa cronica sudamericana non posso che cercare di seguirlo in tutto quello che scrive ( articoli, saggi, libri, etc..) Vi accomuna anche la passione per il calcio ; penso quindi che anche tu lo segua. Sono curioso di leggere questo noir o questo noir perchè credo ci sarà un seguito, speravo di vedere qualche sua presentazione in Italia( come ho fatto nel 2018 a Ferrara) ma non riesco a trovare niente per il 2020. Ho scritto alla Einaudi ma non mi hanno risposto. Complimenti anche a te perchè ti ho sentito a Sorrento, ma ti confesso che essendo un ex calcaitore dilettante non riesco ancora a leggere i libri di sport; ma sicuramente i grand giri della lettura mi porteranno anche lì e ti ho inserito nella lista di libri da leggere insieme al libro La partita sul mondiale 1982 che io ricordo benissimo
    Un saluto e se sai qualcosa su Caparros fammelo sapere( scusami il tu che mi sono preso)
    Marco Fiodo Sorrento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: