Intostreet of Napoli Decameron

Mi chiamo Lisabetta e finalmente sono morta. Ho passato gli ultimi giorni della mia vita a piangere su una pianta di basilico che stava dentro a un vaso grande come una capa di Rottweiler. A casa nostra i vasi li compriamo di quella misura perché i miei fratelli dicono che quando ci muore un cane la capa va seppellita nei vasi sotto le piante che poi germogliano meglio e il cane rinasce, sì, sì, sono fissati, noi abbiamo un allevamento e qualche volta li facciamo pure combattere, e poi abbiamo altre attività, ma mmò, sinceramente a me nun me ne fotte più di niente. Perché? È una storia lunga che non bastano cinque canzoni di Liberato. Io prima di questa storia me ne stavo sopra i Quartieri e scendevo solo per andare nella pizzeria nostra, ma scendi oggi, scendi domani, scendi dopodomani, tra una margherita e una marinara, nel bagno della pizzeria mi sono fatta insaponare da Lore’, il ragazzo che lavorava per noi portando le pizze ai signori. Come canta Liberato: ’Na notte sola basta pe’ s’nnammurà. L’uocchie suoi belli, e le mani pure. Così ho smesso di scendere in pizzeria e ho cominciato a chiedere: Lore’ quando stai comodo me la porti una pizza? E Lore’ finiva tutti i giri nella mia stanza, e poi tornava pure di notte. Ah l’ammore mio, che mi chiamava Signorinella, e mi stringeva forte, forte, accussì forte che ancora mmò lo sento, mmò che lo sto cercando da quest’altra parte. Tutto è succiese perché uno ’re tre frate miei c’ha viste, e ha pensato che io mammeritavo n’ato guaglione, n’atammore. Nun putevo sta co’ guaglione ’re pizze, co’ ’nu sguattero, eh no, m’aveva spusà a ’nu cammurrista come a loro. E per difendere questo onore violato, per salvare la famiglia e la figlia femmina, me l’hanna accise, hanna accise a Lore’. Io già quando ho visto che se lo portavano con loro, dice a una festa, ho capito che c’era qualcosa che non andava bene, ma ho pure pensato sono i miei fratelli, se pure hanno capito quaccosa, non gli faranno male, penseranno a me, e nun avevo fatto bene i cunti, quelli se lo sono portati a spasso sulle motociclette, isse e i tre frati miei, e poi la sera dopo Lore’ non ci stava, le pizze me l’ha portare Moana, e quando ho chiesto: Lore’ addo’ sta? quella mi ha risposto a coppa ‘a mane: Lore’ dice che nun vene cchiù. Allora mi sono messa a chiamarlo ’ncoppe ’o cellulare, ma niente, niente, e allora so’ scesa e chiedere ai miei fratelli che fine aveva fatto Lore’ e quelli mi han detto: ’o saje come so’ sti guagliune: vanno, vengono, quacche vota se’ fermano, altre no, chissà addò sta mo, magari sta ’nsieme a nata. A quella frase ho capito tuttecose. L’hanno vattute sicuramente e c’hanna ditte che se ne doveva andare. Ma almeno un messaggio, una canzone, un addio ci doveva stare: non poteva essere che Lore’ scumpareva. Ma niente, e allora pianti, pianti, e strilli, ma senza verità. Poi, una notte, in sogno, Lore’ è turnato, s’è appalesato: Picceré, come back here / Me sfunne l’anema / Can’t you see? / C’hanno alluntanato / Ma non ti scordar di me / Sto o tale posto e nun pozzo cchiù turnà / Poi quando capisci / Nun te scurdà. Appena mi sono svegliata, ho capito che dovevo andare a cercarlo, avevo un posto dove potevo trovarlo, quello del sogno, così chiedendo di svagarmi mi sono presentata con una amica dai miei fratelli che, dopo i giorni in casa passati a piangere in pigiama, non ci potevano pensare che ero tornata io, la Bettina di sempre, di nuovo truccata, di nuovo vestita, e quindi con la benedizione sono andata a cercare Lore’. Poco atterrato e ancora bello, stava dove mi aveva detto, il corpo di Lore’ intatto, e ancora profumava di Badedas, nonostante la terra. L’ho stretto forte, poi ho capito che non potevo portarmelo a casa, ma dovevo scegliere solo una parte, mi sono ricordata dei cani e con tutto l’amore che potevo ho liberato la sua testa dal corpo, poi ho ricoperto quello che restava. Il viaggio di ritorno è stato una arrevotata ‘e core: la gioia di sapere che non m’aveva appise e la consapevolezza che l’avevano accise. Ciento bombe all’ora. Arrefunnenno malamente. E forse per l’ultima volta sono stata tutta I love you. Poi a casa di fretta ho cercato la pianta più bella e ho messo la testa di Lore’ nel vaso, dopo averla pulita e baciata, accarezzata e pianta, e poi mi sono addormentata. Speravo che turnasse, che mi dicesse come continuare, o che ci fossero altre cose da fare, invece ho scoperto che non tornava e che io non sognavo più. Nero. Solo nero. ’Nu telefonino scassato. Nuje simme doje stelle in the sky. Una buttata su un letto a piangere e l’altra ’ncatastata in un vaso sotto ’na pianta ‘e basilico. Oi Be’ no more. Amma perze ’a guerra, e pure l’ammore. Sentivo la voce di Lore’ che s’ammiscava a quella di Liberato, “Stand by me”, mi stringevo il vaso e piangevo, ciento lacrime ogni giorno, e piangendo l’innaffiavo, e come succedeva con le cape dei cani la pianta diventava sempre più bella, luccicava, che la guardavo e m’arricordavo e baci suoi, le mani sue, e pure le pizze che ci ammezzavamo. Oi Be’ no more. Lo sentivo cantare e io rispondevo: Yo me muero a vivir sin ti. Un giorno all’improvviso mi innamorai di Lore’ e pure dopo che era ’na pianta non mi è mai passato l’ammore, non mi sono mai passati i pensieri. E mi facevo bastare la freddezza del vaso. Mmò non chiagnere baby don’t cry. Poi i miei fratelli hanno scoperto che sotto la pianta di basilico che tenevo nel letto con me ci stava la capa di Lore’ e me l’hanno levata, e levandomela è fernuta ’a musica.

[uscito su IL MATTINO]

Contrassegnato da tag , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: