Archivi categoria: Hitch 22

Trevi: la ricerca dell’epica della realtà

Sembra una mappa astronomica, “Sogni e favole” (Ponte alle Grazie) di Emanuele Trevi, dove il piacere immediato sta nello stupore delle connessioni tra orbite. Un libro di ritratti a nietzschiane stelle danzanti: Arturo Patten, Cesare Garboli, Metastasio e Amelia Rosselli. Attraversiamo il tempo e Roma, perlopiù, con i ricordi e i ragionamenti di Trevi che esce dai mascheramenti italiani della narrativa, divenendo “voce dietro la scena” – direbbe Mario Praz –, una voce che rifugge dalla finzione e pur la pratica. E dietro la scena c’è tantissimo, dietro i ritratti di Patten, i libri e le case di Garboli, i sonetti di Metastasio (uno di questi fa da refrain) e le voci e le poesie della Rosselli, c’è una vita in dettaglio e la difficoltà di viverla per raccontarla, c’è la ricerca del limite e la voglia di scavalcarlo, fino all’ultimo salto mortale di Arturo e Amelia. Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Houellebecq: Nostradamus in canotta

Adesso che Michel Houellebecq è stato trasformato in Nostradamus, e che la sua immagine con le canotte di stampo bossiano ma firmate dai nipotini di Yves Saint Laurent campeggia nei tiggì, possiamo dire che “Serotonina” non è un capolavoro, come la Nave di Teseo scrive nelle note di copertina, ma il solito romanzo dello scrittore francese, con noia, sesso triste ed Europa decadente. Ci fosse un campionato delle previsioni non ci sarebbe storia tra le realtà immaginate e compiute di Philip K. Dick – come sa bene un altro scrittore francese: Emmanuel Carrère – e quelle subodorate da Houellebecq. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Il libro che verrà

Cosa manca alla letteratura italiana di questi anni? Ma un romanzo di eccessi, una staffetta che va da Caligola a Corona passando per Berlusconi con una spruzzata di Bianciardi, e ancora non basta. Storia d’amore laterale. Sarebbe meglio con una lingua doppia, ma niente camillerismi, piuttosto dei piani gaddiani. E basterebbe? Certo che no, dividerlo in tre parti, per raccontare il passaggio da solido a liquido e infine gassoso del nostro paese, aiuterebbe. Protagonista un Eliogabalo in versione Totò le Moko. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Un anno marziano di libri necessari

A fine anno nelle redazioni culturali serpeggia il panico, tutti si guardano cercando di salvare qualcosa tra i numerosissimi libri stampati sulla soglia dell’effetto Potëmkin e della boiata pazzesca. E per sfangarla si lancia la pagina oltre il presente con le interviste ai direttori editoriali che, tra ampie premesse, illustrano i gialli e le traduzioni che arriveranno, l’immancabile giovane promessa e il solito affermato scrittore che finalmente ci darà il grande romanzo italiano. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , ,

I tre giorni del Condor applicati alla cultura italiana

Dice Mario Vargas Llosa che un romanzo, se è un buon romanzo, “ci libera dalla nostra condizione limitata facendoci vivere in modo più ricco e più profondo”, da questo possiamo dedurre come mai siamo così annodati e poveri quando entriamo ma soprattutto quando usciamo da una libreria. Perché a volerne cercare, negli ultimi dieci anni, facciamo quindici ma pure venti, di romanzi italiani capaci di salvarci: diventa dura. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Annunci