Archivi categoria: ritratti

Salame, piada e sportellate: Sic

Senza nomeEra l’altro, che pure si divertiva. Sic. Arrivato facendosi largo a spintoni, preceduto dalla caciara. Le manone, i piedoni, venti-trenta centimetri d’altezza in più degli altri, sembrava davvero Pippo, ma quello disegnato da Andrea Pazienza: allucinato, hippy e con un vaso di fiori in testa. «Diobò, ho fatto la pole». Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Se non c’è Strada dentro il cuore degli altri prima o poi si traccerà

Senza nome1) Mentre l’Afghanistan assiste al ritorno dei talebani e delle politiche d’invasione di Bush, Gino Strada ha fatto in tempo a ricordare al mondo quanto fosse assurda e spietata la guerra cominciata quasi vent’anni fa dall’Occidente. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

ὁ φίλος αἰγιαλός ποταμοῦ

1. Dall’uomo senza qualità all’uomo senza quotidianità. Rifuggiva l’omogeneità, la temeva. Come temeva la borghesia più di Lolli e il conformismo oltre De André.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , ,

Manu Chao – Me llaman calle, 60

Senza nome1. Nome completo: José Manuel Arturo Tomás Chao Ortega. All’ufficio anagrafe di Parigi, i genitori quel giorno trovarono Anna Marchesini.
2. Figlio di esuli, scappati dalla Spagna per la dittatura di Franco, la sua fuga continua nella musica, cantando in tutte le lingue del mondo.
3. Il vero universalismo di Celentano, una sola esibizione con Prisencolinensinainciusol.
4. Manu Chao cantato da Sgalambro diventa uno dei segreti della vita come l’amaro benedettino.
5. L’ultimo concerto della gioventù prima dell’uccisione di Carlo Giuliani a Genova: ed era per i migranti.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Battiato Platz

 

Che si spingesse a fare scalo fino a Grado, viaggiasse con profughi afghani e balinesi nei giorni di festa, Battiato è stato come la Porta d’Europa di Mimmo Paladino, una parentesi di luce tra mondi distanti che iniziavano a comunicare fumando sigarette turche.

L’opera completa di Roberto Calasso, l’unico capace di attraversare con agilità tutto il catalogo Adelphi, ancora prima di essere impaginato.

Perché nonostante “La cura” abbia provocato più danni de “I ponti di Madison County”, spesso abbiamo ripensato con invidia a quella libertà di vagare per i campi del Tennessee. Continua a leggere

Contrassegnato da tag