Archivi categoria: ritratti

Garibaldi, monarca del tempo: febbre, tifo e spada

Nizza. Al terzo bicchiere di Jack Daniel’s, la lingua del generale Giuseppe Garibaldi si scioglie. Tutta la ritrosia che mi aveva mostrato scompare, la distanza si annulla, e viene fuori la verve oltre la sua voglia di raccontare quaranta anni di battaglie sempre in attacco. Lo incontro, al bar dell’Hotel “Le Negresco” sul lungomare di Nizza, in compagnia di altri due italiani, che passano l’estate con lui e Anita: Luciano Bianciardi, scrittore, e Bettino Craxi, politico. Me li presenta dicendo: «Qualcuno se li ricorderà». E prima che io possa replicare, lui, è già partito con i ricordi. Svelando cose che farebbero invidia a Denis Mack Smith. «Nizza fu una idea di mio padre, sa come sono i padri, pensano che un Napoleone Primo sia meglio del Rio de la Plata: Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Bolt lascia tutto a Gatlin e Coleman

Usain Bolt lascia abdicando a Justin Gatlin. Il brutto, sporco, cattivo e anche vecchio, che però l’ha usato come stimolo, dicendo «anche io sono per Usain», inchinandosi platealmente davanti all’avversario che ha inseguito per anni. Ma Londra ignora il fair play di Gatlin, il suo tempo (9″92) e le sue lacrime, e saluta e abbraccia il re, dimenticando il vincitore. Il giamaicano chiude al terzo posto, dietro gli statunitensi Gatlin e Christian Coleman (9″94). Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Gli ultimi cento metri di Bolt

Gli ultimi cento metri di Usain Bolt sono una passerella velocissima, con l’atleta giamaicano che finalmente lascia uscire i suoi Caraibi tristi, nell’estate del suo addio. Per una volta si vede la pena, anche se continua a sorridere, ma non è il dj della pista, sta piuttosto virando verso un ritmo malinconico, per l’uscita di scena. Continua a leggere

Contrassegnato da tag

Paolo Rumiz e una orchestra molto speciale

Chi ha letto “La cotogna di Istanbul” conosce il legame tra Paolo Rumiz – scrittore e giornalista – e la musica, il suo saper annodare la scrittura ai suoni, e non si sorprenderà di trovarlo sul palco con una grande orchestra. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

Sam Shepard: l’uomo che conquistò Broadway e Hollywood

Si augurava di vedere la terra per sempre, piuttosto che il regno dei cieli. Questo era Sam Shepard, che a 74 anni ha superato la frontiera, quella definitiva, dopo averla raccontata. Scrittore: di cinema e teatro; attore e regista; con la faccia levigata e il cuore in subbuglio, capace di apparecchiare una storia anche in mezzo al deserto, convincendo tutti, giocando col silenzio, la polvere che si alza, e un dramma lontano, evocato e dipinto con frasi secche mettendo il cappello da cowboy su Cechov. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , ,