Archivi tag: Ajax

Hamsik: trascinatore gentile

C’è stato un Hamsik per ogni napoletano, per alcuni è stato specchio, per altri proiezione; per alcuni è stato simbolo, per altri capro espiatorio; ma ora tutto coincide e il capitano mette d’accordo tre generazioni di tifosi, incarnando quello che rende sopportabile la vita nelle sue curve di sofferenza. Marek Hamsik è in assoluto il simbolo del Napoli di De Laurentiis da dieci anni, è passato tra tempeste e lacrime, vittorie e sconfitte, sostituzioni ed esaltazioni, rimanendo sempre se stesso, un uomo pacificato prima ancora che un calciatore calmo, perché cosciente del proprio talento e del proprio percorso. Ha fatto di Napoli e del Napoli il suo posto applicando forse inconsciamente il teorema Madre Teresa di Calcutta: «c’è sempre un posto dove puoi essere straordinario, devi solo lasciare che quel posto ti trovi». Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , ,

Vita minima di Arkadiusz Milik

La gravosa avventura della crescita per Arkadiusz Milik è tutta in una piazza grigia dietro l’angolo di casa sua a Tychy: tra furti e palloni sui muri, gente semplice, pioggia nera, sigarette fumate troppo presto e desideri che diventano dolori. Città operaia della Polonia, al confine con Slovacchia e Repubblica Ceca, in un triangolo industriale che sforna le Panda della Fiat e le birre della Tyskie. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

La caduta

In porta, più che in qualunque altro posto, si capisce subito che la vita è imprevedibile. Negli occhi c’era ancora il Pepe Reina invulnerabile che si allunga a deviare sul palo il colpo di Miranda e nega il pareggio all’Inter, che quando è caduto sotto il tiro di Mattia Destro: ci pareva impossibile. Signora ha presente il crollo di una diga? Ecco, qualcosa di simile. Succede. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Arbasinho

Poi, Guardiola – come e più di Arbasinho con “Corsera” e “Repubblica” – è passato dal Barcellona al Bayern Monaco, risparmiandoci la saudade in conferenza stampa, però. E, dopo un anno, sono andate crescendo le preoccupanti reazioni dei tifosi sulla latinizzazione della squadra tedesca, in un rapporto sadomaso con Karl-Heinz Rummenigge, che l’ala destra del Voghera, emanazione inferno-brasiliana bagnatosi nelle nebbie lombarde, tratterebbe per pagine e pagine di ritmo Ajax fino a una bella di Lodi che fa la cameriera a Monaco e ammanetta il due volte pallone d’oro e ora presidente della squadra e l’allenatore sempre del momento, in una marcatura molto stretta tipo Gentile con Maradona e dopo li fotografa. E ci vorrebbe quel gran centrocampista di Leonardo Sciascia – ah, che stagioni a Parigi col PSG, Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , ,

Gabbiadini, lo zen, e l’arte della manutenzione del gol

Il molteplice Gabbiadini è sempre lo scarto inatteso: fuori e dentro l’area di rigore. Prima la spinge di forza in porta, scivolando e colpendo con la suola – un gol alla Ibrahimovich – fiondandosi sul cross di Allan e agganciandola in spaccata; poi con un tiro da lontano, mentre il pallone ancora gli rimbalza davanti, la mette di nuovo alle spalle di Andersen, trasformando l’intera difesa del Midtjylland in un falò bruciato dalla sua vanità tecnica, il “solito” gol da fuori area, che, sponda sul palo, si deposita in rete. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , ,
Annunci