Archivi tag: Alitalia

FMR: immaginando un altro mo(n)do

Se Eugenio Castellotti non fosse morto nel marzo del 1957 all’aerautodromo di Modena è probabile che Franco Maria Ricci avrebbe esercitato la ricerca della bellezza su pista e non nei libri, perché se Castellotti fosse tornato dal suo turno di pista sarebbe salito sulla Ferrari per provare a togliere il record a Jean Marie Behra, ma Castellotti si perse in una curva e Ricci divenne altro.  È uno dei tanti possibili incroci del labirinto ricciano. Tutta la sua vita è un continuo svoltare per angoli retti. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Diecimila metri sopra il natale

Joyce Gambino e il natale si evitavano a vicenda, ormai da anni. A lei infastidiva tutto, dalle luci alle musiche, colpa di suo padre, che si era sparato la sera di natale di 30 anni prima, quando Joyce era una bimba di 10 anni e non si aspettava un colpo di pistola, ma la visita di babbo natale. Andò diversamente. Da allora si erano evitati, lei, prima donna a diventare capitano della compagnia aerea Alitalia, preferiva lavorare durante quelle feste, e dimenticare. Quattro ore all’atterraggio a Fiumicino, era il 24 dicembre, tre minuti alle 17, volava da New York, e tranne una leggera turbolenza all’altezza delle Azzorre, era stato un viaggio sereno. Diecimila metri sul cielo di Madrid, Joyce ripassava il programma che la aspettava, rifiutando – ripetutamente – l’invito a casa del suo secondo Giacomo Bonaccia, un uomo gentile molto legato alla famiglia, troppo per Joyce e il suo ordine di serata: atterraggio, relazione sul volo, parcheggio auto, traffico, casa, doccia, pizza surgelata e birra, poi letto. Due giorni dopo Buenos Aires. E via così. A lei piaceva. Fin da piccola, quando veniva a Fiumicino a guardare gli aerei alzarsi, con i suoi genitori. Poi, il primo volo negli Stati Uniti con la madre, per le lunghissime vacanze estive dai nonni americani. E la prima separazione, sofferta col papà, che le raggiunse un mese dopo. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , ,