Archivi tag: Antonio Bassolino

L’ultimo anno da sconosciuto di Marcello Lippi

Dovendo fare un bilancio per i suoi settant’anni potremmo affacciare il sospetto che tutto il Lippi possibile è nella stagione napoletana, che tutte quelle che vennero dopo non erano altro che una conseguenza di quella prova che nel 1994 superò, quello che sarebbe diventato era già in nuce sulla panchina di un Napoli sgangherato e per questo pirata. L’ultima volta da sconosciuto prima di vincere, l’ultima volta senza stipendio e in una situazione ostile, l’ultima volta che Marcello Lippi fu un allenatore normale, già maestro ma non ancora venerato, coperto dall’ombra della normalità. Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Mimmo Paladino e il cosmocalcio artistico

Adesso che il Napoli attraverso i suoi movimenti crea geometrie, che ogni azione è una vertigine di gesti, e che ogni spazio ha una impalcatura di pensiero, è giusto parlarne con un grande artista come Mimmo Paladino. Pittore, scultore, incisore, ma soprattutto uno dei pochi ad avere un linguaggio proprio, radicato, non artefatto. Una forza della natura, che diventa segno, contraddistinguendosi. Fuori dai meccanicismi della riproducibilità, oltre la banalità dell’ideologia, Paladino rappresenta la libertà di essere se stessi, senza condizionamenti di tempo. Capace di elaborare una risposta singolare, impeccabile, includente. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Dove sta l’identità di Napoli?

5b«A Napoli ogni idea è una persona», diceva Giuseppe Marotta, e sarà per questa abbondanza di idee e corpi che è difficile trovarne una rispetto all’identità, napoletana, chissà. Perché davanti all’emotività che la città dimostra, alla sua volubilità, dal calcio ai morti eccellenti, viene da chiedersi: ma dove sta l’identità di Napoli? Chi la tiene, o chi l’ha presa, come i soldi del Belice di cui si preoccupava Massimo Troisi. Perché tra la Napoli da dismettere, quella dell’odio e quella virtuosa che fatica ad emergere o se ne deve fujre, c’è una Napoli che rimane fissa e magari è quella peggiore per alcuni o la tana per altri, oleografica, però riconducibile a una carta identitaria. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , ,
Annunci