Archivi tag: Carmelo Bene

It’s Mourinho time

Unire in un solo gesto Enzo Jannacci, Peppino Prisco, Ugo Tognazzi e Kevin Spacey è quasi impossibile, ma José Mourinho è un felino, quindi capace di tutto. Ecco il suo orecchio teso a sentire i cori dei tifosi juventini zittiti dal ribaltamento della partita, farsi sintesi d’ironia, riscatto e risposta, e non offesa come si è detto e scritto, un gesto perfetto col quale ha unito tutto il mondo anti-juventino da Buckingham Palace – escluso il Sun che ha titolato “No class”  – al San Paolo – esclusa la Rai che ha provato a far passare il suo gesto come offensivo. Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Il Presidente non pensa solo agli operai

Se Giancarlo De Cataldo non avesse interrogato i ragazzi che gli stavano intorno, se non ci fossero le scene disegnate di un fumetto che poi diventerà pure pubblicazione, se avesse contenuto l’ego di Eugenio Scalfari, se il montaggio non avesse tagliato la prima parte sul parlato, e se non ci fosse stata la lettera finale, “Pertini il combattente” poteva essere un piccolo gioiello, su un politico e una persona dispari: per storia, temperamento e vita. Invece, ne viene fuori un compitino a scopo didattico, Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Allitterazione straordinaria di Bene

A Carmelo Bene non si può aggiungere nulla più. Al massimo si può togliere. È questo il problema del film di Giuseppe Sansonna, “Tracce di Bene”, andato in onda su SkyArte, e prima presentato alla Festa del Cinema di Roma. Oltre la presenza/assenza di Bene, con la voce che torna, e il ripescato dibattito con Pier Paolo Pasolini, non c’è nulla. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

CB: forza sconfinata

In-fine gli doleva come a tutti essere strappato

alla specie

coricato sul lato infinito

tra la corrente del silenzio

che soffia in bocca la sostanza delle cose

e l’eterno paragone del senso Continua a leggere

Contrassegnato da tag

Messi finalmente Messia

Da Messi a Messi-a con tre gol a Quito. Finalmente. Ecco smascherata la scappatoia, tra l’altro indicata dai grandi vecchi Ricardo Bochini e César Luis Menotti: affidarsi a Messi, lasciandolo libero di fare quello che vuole, come se fosse un cavallo da traino, un cane da slitta, anzi, un capo, un vero capo, dopo tanti tentativi: partite a vuoto, incomprensioni, gol mancanti, dribbling a vuoto, dimissioni, e poi il ritorno. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , ,
Annunci