Archivi tag: Copa America

Sudamerica: futbolisti lost in translation

Rien ne va plus, gira la palla e con lei anche il mondo del calcio. Cambiano numeri e nazioni, cadono calciatori e si modificano costellazioni calcistiche. Col Brasile esce l’ultimo pezzo di Sudamerica rimasto al mondiale, come nel 1982 e nel 2006. Saudade. Sì, tanta. Di quando la Seleção riusciva a non essere egoista, era il 2002. Il resto è sconfitta. Occhi al cielo in cerca di Dio e sguardo al passato, quando c’erano l’uomo e la squadra forte. Argentina, Colombia, Uruguay e Brasile. Con un discorso a parte per il Messico. Fifa: abbiamo un problema. Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Argentina: equazione senza risultato

Senza piedi né testa: un corpo slacciato, e perduto nel labirinto dei tatuaggi tribali del suo allenatore. Ecco l’Argentina, brutta e sporca e per niente cattiva. Distratta, molle, e sul punto di crollare. L’espressione di un’equazione senza risultato, come cantava Francesco Guccini. La situazione della Selecciòn è così assurda e ingarbugliata che nemmeno Albert Einstein ne verrebbe a capo, così surreale da sembrare un racconto di Riccardo Fontanarrosa: Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , ,

Argentina: generazione zero tituli

Il colonnello Lionel Messi, che promosse quattro finali e le perse tutte, segnò più gol di Batistuta ma non vinse mai una Copa America o un Mundial, che dribblò più calciatori di Maradona senza mai riuscire ad entrare nel cuore degli argentini, si è arreso, e con lui, si è arresa la sua generazione “zero tituli”: Higuain, Mascherano, Di Maria, Lavezzi, Aguero, Lamela, Biglia, Otamendi, Banega, l’escluso Tevez, giù giù fino alla panchina del Tata Martino. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , ,

Addio Brasile

Mentre Pelé porta in giro e a cinema la reliquia dei suoi ricordi, il Brasile si sfalda. In casa e all’estero, per eccesso e per prudenza, in politica e nello sport: con le mani, le proprie, e con quelle di un calciatore peruviano, Ruidiaz. Esce dalla Copa America negli Stati Uniti, vivendo la sua stagione “Lava Jato” di “Mani pulite” – partita da un sistema di tangenti all’interno della Petrobras: l’azienda petrolifera statale – e aspettando con ansia e affanno le Olimpiadi di agosto a Rio de Janeiro con la Baia di Guanabara sommersa di rifiuti. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Argentina – Panama

Panama:

fantasia mercantile,

campo d’acqua

tra spiaggia, inquietudine e furbizia,

che fatica mettersi al passo

sulla terra, Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , ,
Annunci