Archivi tag: Cossiga

Buonanotte Professor Marcuse

Scavalcando lo schema più comune che i detti seguono il tempo: non saremo più adulti e vaccinati per sobbarcarci il peso della vita, ma solo adulti e un po’ più soli. Almeno secondo il prossimo partito di governo, un esercito di antieuropeisti, forse disarmati, sicuramente meno colti, privati come sono stati delle biblioteche preferite ai cabaret. Un esercito di ex giovani, che ha fatto in tempo ad essere ex rifondaroli, ex berlusconiani, ex fascisti, ex comici. Una tribù di interessi con richieste di interventi perentori su tutto quello che è inutile. Capi per autonomia con vitalizi – solo di fiducia, forse – fondati e diretti da loro medesimi, con dogmi da imporre da disobbedienti, usando la paura come aggregante, e la rabbia come risposta. Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Auto e politici

La Togliatti non la fanno più. La Moro andò perduta in un incidente e quello che è venuto dopo non le somigliava per niente. La Berlinguer che te lo dico a fare. Ora è uscita dalla produzione anche la vecchia Pannella. E quelle nuove mica sono auto, sono prototipi con troppi errori. Per dire le Grillo – l’ha scritto anche Quattroruote – funziona con un logaritmo, se buchi devi chiamare Harvard. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , ,

Le trattative

112Alla fine Gian Carlo Caselli ha scritto il suo romanzo: “Le trattative” (Einaudi, pp. 516, euro 25), un grande affresco della storia d’Italia dal Risorgimento a Renzi, con tutte le volte che si è trattato per qualcosa: da Pisacane a Pisanu. Il romanzo scorre veloce come una sentenza, senza articoli del codice da citare, e ancora una volta è attraverso la finzione che si riesce a raccontare l’anomala storia italiana, solo coprendo con l’immaginazione i buchi lasciati tra una svolta e l’altra, ad ogni cambio di passo. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , ,

La rubrica del Presidente

imagesDa quando ha la rubrica della posta del cuore su Vanity Fair, l’ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano sente davvero l’amore delle italiane e degli italiani. Da quando si è dimesso, gli scrivono anche i grillini, i leghisti e i giornalisti del Fatto, perché la sua saggezza aiuta a risolvere le storie di coppia molto meglio di come arbitrava i contrasti democratici. Tanto che per la prima volta la versione americana del giornale traduce delle pagine che escono in italiano e non viceversa. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Annunci