Archivi tag: Dustin Hoffman

Romanzi criminali

Ci sono diversi modi di evadere dalle prigioni, quello più sicuro è la scrittura. Molti criminali scelgono questa via di fuga, riscrivendosi o inventandosi, finendo per diventare persino famosi, al punto di riuscire a rendere la fedina penale secondaria. La scrittura si nutre di crimine e il crimine alimenta scrittori. Per questo non bisogna lamentarsi di “Malerba” il libro del killer di mafia condannato all’ergastolo, Giuseppe Grassonelli, scritto col giornalista del Carmelo Sardo, che ha vinto il Premio Sciascia. Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Berlusconi: 30 anni di Milan e un solo dubbio

È anche vero che Berlusconi solo una volta ha accettato un tutor, un centrocampista di respiro internazionale, anche se in là con gli anni: Renato Ruggiero, che arrivava in prestito dalla Juventus su diretta imposizione di Gianni Agnelli, per fare il ministro degli Esteri e coprire la fascia Confindustria, un prestito con riscatto poi non realizzato. Quella scelta era figlia di un’altra, politica, rinunciare a malincuore all’argentino Claudio Daniel Borghi su diretta richiesta di Arrigo Sacchi, in funzione di Angelo Colombo: cedere in fantasia per guadagnare in pragmatismo. Scettico aveva assecondato la richiesta di Sacchi, scoprendo di aver torto, visti i risultati, anche se per anni ha continuato a chiedergli: «è sicuro?» proprio come il dottor Christian Szell (Laurence Oliver) ripete a Babe (Dustin Hoffman) ne Il maratoneta. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

Cartellino Verde ipocrisia

Nessuno ha mai chiesto a Gaetano Scirea, Agostino Di Bartolomei, Giacinto Facchetti o Javier Zanetti di essere quello che sono stati sui campi, “illustrandosi” per le belle giocate e i bei gesti sportivi, non serviva. Lo erano a prescindere dall’agonismo, dai premi, dalle partite. La luce dei fari sopra di loro, le urla delle curve intorno a loro e la legge morale dentro di loro. Adesso la Lega di serie B introduce il cartellino – simbolico – verde per premiare i gesti belli, il fair play e non in campo, ma dopo: nei referti degli arbitri, una medaglia scritta e orale ma non materiale che serve a nascondere la natura del gioco, Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Annunci