Archivi tag: Eto’o

Il corsaro nero

Bussa, entra sicuro, e si prende il suo posto, penetrando come il fumo in ogni fessura. Figlio della pallastrada, Amadou Diawara, ha annullato le distanze tra cortile e campo: portando l’allegria del primo nel secondo. La sua non è una carriera ma una scalata. Fra qualche anno diverrà l’unità di misura del successo in Guinea. Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , ,

L’eccezione Sarri

R600x__Maurizio_sarriÈ una addizione: ciclismo più calcio, Maurizio Sarri, l’allenatore che sale tutte le scale, che dalla seconda categoria l’ha fatta tutta la strada fino alla A – esordio con l’Empoli e stagione fantastica – e ora pare che sia il fortunato vincitore dell’eredità Benitez. Ha cinquantasei anni e a guardare le squadre allenate sembra una inchiesta sulla provincia italiana, la sua carriera, eppure, Sarri è un maestro, certo di minoranza e senza trofei, ma non gli si può dire che non abbia una storia e una lingua calcistica, che non sia un portatore di stupore. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , ,

I was confident

E se Kapuscinski sosteneva che l’Africa non esiste: troppo grande per poterla descrivere, possiamo dire che esistono i calciatori africani con il loro carico di storie che diverranno anche gol, poster, figurine, siti. Prendete Didier Drogba, racconta la Costa d’Avorio – meglio di Naipaul e dei suoi “Coccodrilli di Yamoussoukro” –  dove la sua esultanza con rotazione del bacino è diventata la drogbacite, le birre locali definite drogbas per dimensioni ed efficacia, e nessuno avrebbe immaginato tanto seguito quando lasciò il paese a cinque anni per andare a vivere con uno zio che giocava nelle serie minori del calcio francese. Una infanzia passata a guardare calcio europeo alla tv e a giocare tra Dunkerque e Abbeville, senza mai diventare francese e non era scontato. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Annunci