Archivi tag: George Best

Cinque palloni d’oro e nessuna epicità

Bastano cinque palloni d’oro per essere il migliore? Maradona direbbe: «No», Pelé riderebbe prima di parlare di sé, l’unico ad annuire sarebbe Alfredo Di Stefano, la terza via – calcistica – tra i due. Ha importanza? Forse, per gli sponsor, per l’ego, per le squadre – sì in questo ordine –. Nella lotta tra Lionel Messi e Cristiano Ronaldo, con l’assegnazione del titolo per il 2017 al portoghese, arriva una parità tra i trofei personali, quella tra club è una storia diversa, anche se per entrambi hanno contato molto. I precedenti e mai passati detentori della punta piramidale del calcio mondiale, i due che negherebbero l’importanza del Ballon d’Or, Maradona e Pelé, erano squadre a parte, ed è questo il punto. L’altro, che segna la distanza, è l’epica. Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , ,

Un calciatore meridiano, tracollante, eternamente sul punto di cadere

Fai finta di andare, non vai, poi vai: è il dribbling spiegato da Jorge Valdano e applicato da Antonio Cassano. Il picaro del nostro pallone. Sempre pronto a scrivere e riscriversi la biografia calcistica, fino al punto d’invocare un “purtateme ‘a casa mia”, alla Pino Daniele, nel bel mezzo di un ritiro, quello dell’Hellas Verona a Mezzano di Primiero. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Out of Time

Dormiva sotto al poster del “Charles Buchan’s Football Monthly”, e aveva sempre le scarpe consumate per i calci che tirava in continuazione alla palla, era il bambino George Best. Quello che «Per cinque anni, dall’inizio del 1966 alla fine del 1970, fu nell’insieme il migliore di tutti, il giocatore di maggior talento sulla faccia della terra». Gol, dribbling, progressioni, equilibri, in una disparità che lo metteva al riparo dal conformismo calcistico, Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , ,

George Best

I movimenti di Elvis / la Jaguar di Diabolik / la casa di James Bond / le camicie di Gatsby / le scarpe di Sinatra / la finta di Garrincha / la velocità di Gento / un tunnel a Cruijff / due Miss Mondo / una Coppa Campioni / due fegati / due premier league / un Pallone d’oro / duecentocinquatasei gol / e l’umiliazione di Gordon Banks / il sogno da sopravvissuto di Matt Busby / settecentosei presenze / una coppa d’Inghilterra / Continua a leggere

Contrassegnato da tag

George Best, temporale

VbA questo punto tutti sanno tutto di George Best, un temporale grandiosamente tropicale che è passato velocissimo sui campi inglesi. Un eroico furore che dal cielo è sceso sull’erba, con un itinerario labirintico, bizzoso, fatto di finte e diluvi, pioggerelle e poi morbidi improvvisi piovaschi. Mostrandosi in scrosci e rovesci, cadute e addensamenti, soprattutto nei pressi delle aree di rigore. Lasciando una vera grande memoria della pioggia che è stato. Continua a leggere

Contrassegnato da tag ,
Annunci