Archivi tag: Messico

Sudamerica: futbolisti lost in translation

Rien ne va plus, gira la palla e con lei anche il mondo del calcio. Cambiano numeri e nazioni, cadono calciatori e si modificano costellazioni calcistiche. Col Brasile esce l’ultimo pezzo di Sudamerica rimasto al mondiale, come nel 1982 e nel 2006. Saudade. Sì, tanta. Di quando la Seleção riusciva a non essere egoista, era il 2002. Il resto è sconfitta. Occhi al cielo in cerca di Dio e sguardo al passato, quando c’erano l’uomo e la squadra forte. Argentina, Colombia, Uruguay e Brasile. Con un discorso a parte per il Messico. Fifa: abbiamo un problema. Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Corea del Sud – Messico: Carlos Vela, risolutore

Por la carretera

tra gesuiti e coreani

fortezze e argani

alla fine segna Vela. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , ,

Germania-Messico: Ochoa stregone azteco

Sotto i cieli ionizzanti di Yashin

s’allunga Ochoa, tra sospiri e ideologie

mentre Lozano, con espressività maliziosa,

ferisce e sgomenta Neuer.

Ahi serva Germania, di contropiede ostello

perdesti ritmo e ingegnose figurazioni

come Troia con Ulisse

provando invano l’assalto al messicano

incantata e perplessa trovasti Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Taibo II: la redenzione comincia a Napoli

Napoli come città del perdono, che tutto assolve anche il più infame dei peccati. Per questo, Paco Ignacio Taibo II in “Redenzione” (La Nuova Frontiera), la allaccia al Messico, giocando col tempo, la storia e la geografia. È la menzogna che fa vivere i romanzi, quella che diventa credibile agli occhi del lettore, e Taibo lo sa, in lui vive il rimbombo di un continente, quello di lingua spagnola: slabbrato, scalcagnato ma sempre vivo; Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Los Zetas, ovvero l’ultima lettera prima dell’inferno messicano

“Bienvenida la muerte” cantava Manu Chao a proposito di Tijuana, a leggere “Z, la guerra dei narcos” (laNuovafrontiera) di Diego Enrique Osorno, sembra che il benvenuto sia l’orrore. Raccontato senza sublimazione, elencato nelle sue assurdità, declinato lungo la linea di confine tra Messico e Texas, consumato dal gruppo narco-modernista Los Zetas, Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , ,
Annunci