Archivi tag: Michael Jordan

Icardi: tra romanzo e realtà

Gioca, litiga, scrive, istiga, divide e poi sbaglia un rigore. Mauro Icardi dopo aver vissuto pericolosamente l’estate e prima una avventurosa storia d’amore che lo ha portato a strappare Wanda Nara a Maxi Lopez, aver mischiato la sua camera da letto al campo, trovato pace, firmato un contratto, guidato una Inter sbandata alla vittoria sulla Juventus, invece di giocare e continuare a zittire i suoi detrattori, si mette a scrivere una (inutile) autobiografia e si racconta come un gangster: facendo incazzare la curva Nord interista che smentisce il suo racconto. Va bene che da grandi bisogna buttarsi via, ma Icardi esagera nel credersi Arthur Rimbaud. La sregolatezza in tutti i sensi è roba da poeti, non da attaccanti. Va bene che bisogna vivere per raccontarla ma se non sei Jack London conviene farlo dopo i settanta non a vent’anni, e questo l’ha capito persino Ausilio, il ds dell’Inter, che non corre a leggere i libri quando escono. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Positano Tigers

GreggPopovichIGofficialspursNascono oggi i Positano Tigers, squadra di basket che raccoglie il meglio della costiera amalfitana. L’idea è di Gregg Popovich che si era lasciato sfuggire questa battuta in una intervista: «lascerei gli Spurs solo per i Positano Tigers o i Portofino Flyers. Non esistono ma io non scherzo: se li creassero, li allenerei gratis». A Portofino non hanno colto la serietà che sta nel gioco, invece a Positano, Bonocore Massimo, Fusco Carmine e Cuomo Raffaele hanno subito fondato la società e chiamato al telefono la sede dei San Antonio Spurs in Texas, Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

Il reduce

xCiro Immobile è un reduce, uno di quegli attaccanti che vengono da un mondo lontano. Connette due tempi, non solo il centrocampo con l’attacco del suo Torino. È uno di quei calciatori che sembra appena uscito da un temporale, una partita giocata nel fango, viene da lontano, tira da lontano, andrà molto lontano. Lo immagino arrivare anche agli allenamenti mattutini come uno che ha appena superato una trincea, un confine. Non è solo la sofferenza di una carriera di alti e bassi, prima fenomeno a Viareggio, capocannoniere in B col Pescara, poi delusione al Genoa, ora di nuovo in cima, davanti a Tevez, Higuain, Toni, Gilardino, Balotelli e via andando. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Un impero costruito sui cross

FBL-ENG-WC2010-ENGLAND-BELARUSÈ stato il più pagato non il migliore: il calcio in vetrina, bello da vedere, con e senza pallone, David Beckham. Continuerà a centrare gong e cestini negli spot, ma lascia il campo, si ritira. Quando ha trovato il tempo per giocare lo ha fatto persino bene. È sempre stato così: con un piede in campo (il destro) e il resto (del corpo) negli spot. Annunciando il suo ritiro pone fine al suo nomadismo di lusso, non facevi in tempo ad abituarti alla sua faccia con una maglia che te lo ritrovavi in un’altra, con un taglio di capelli diverso, un nuovo tatuaggio e una nuova clip pubblicitaria. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

America a pezzi

Dici Sigonella, pensi Craxi, ti perdi l’oceano. E un mucchio di umanità. Perché oltre il filo spinato, i ventilatori grandi motori d’aerei, il Tyson allegro in mimetica che la targhetta al petto chiama soldato Johnson, un Beckham intellettuale che porta scritto sopra cuore:  soldato Iraft,  il carabiniere: baffi, noia e paletta, sudato, sotto un cartello che racconta gli incidenti stradali di mese, settimana e giorno, con cause, numero feriti e morti; c’è la Nas (Naval Air Station) di Sigonella: Truman show, Disneyland e America beauty in divisa. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,