Archivi tag: nuoto

Magnini: squalo con gli occhi di Bambi

Dopo tanta marea, l’asciutto. Filippo Magnini esce dalla vasca ai campionati di Riccione – dove arriva terzo senza il tempo limite per gli Europei in corta – prende il microfono e annuncia il ritiro dal nuoto. «Volevo chiedere scusa alla mia società, alla federazione, perché questo è un po’ un fuori programma. Certe scelte bisogna prenderle e io da un paio di giorni penso a questa cosa, al di là degli Europei, della qualificazione, che sarebbe stata una bella conclusione di carriera  Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

Almeno un milione di vasche

Ciò che canta non muta, neanche quando cade. Federica Pellegrini vince ancora una volta la medaglia d’oro, sette volte su otto mondiali, nei 200 stile libero. È ancora una volta campione del mondo a 28 anni (quasi 29, li compirà il 5 agosto), come il Roger Federer che a 36 vince a Wimbledon, nuotando in testa all’americana Katie Ledecky (un vero squalo, la prima volta che viene battuta in una gara individuale) e all’australiana Emma McKeon, argento ex aequo. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , ,

E vedere di nascosto l’effetto che fa

è tornato, dice guardavi lui invece di nuotare, non eri concentrato, certo che ero concentrato: ma su di lui, certo che lo guardavo, per capire, per capire come fa, e mentre lo studiavo sono arrivato quarto, non conta per me, gli ho visto ricominciare un ciclo, l’ho provocato, l’ho persino insultato, ma lui riesce ad attraversare tutto con voracità, che siano piscine o nuotatori, solo una volta in tutti questi giorni mi ha guardato Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , ,

Il pensiero e la realtà

sono dilettanti, sono dilettanti delle sensazioni, mi addossano colpe, e non conoscono il mio senso di colpa, confusione e sospetto e malafede nel leggere in ogni gesto sempre il contrario, e poi la desolazione di doverli affrontare, di dover spiegare, andando oltre l’ambiguità, mentre tutto mi passa veloce intorno, vedo sfumare la medaglia, la possibilità di smettere ridendo, di contrapporre alla stanchezza uno slancio, non ci sono riuscita, non è arrivata la medaglia, e no, non so passarci sopra come se niente fosse, nemmeno dopo tutti questi anni, ma non c’è fumo senza fuoco e a me questa volta il fuoco è mancato, ho sentito la stanchezza, l’ombra della sconfitta calarmi addosso, quarta, quarta, Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , ,

Una colpa e un record mondiale

Ha una armonia dignitosa la nuotatrice, scioglie in vitalità la sua angoscia, macinando vasche. Sul viso, risentita tenerezza, quando esce dalla piscina – aria smarrita – la cuffia blu di sbieco. Alle spalle: una colpa e un record mondiale. Davanti: una città carillon, avvolgente e monotona. Cura la sua ferita con il sonno, quando non è in acqua. Lo spazio dell’occhio fuori dalla piscina è sempre lo stesso, quello della sua pena. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , ,