Archivi tag: Putin

Russia-Egitto: il soldato Dzyuba

Sovrabbondanza carnale

sincronizzata sull’ora di Putin

Dzyuba segna e fa il saluto militare

schiacciando l’Egitto a San Pietroburgo

con gelido portamento rimpiange i confini dell’Impero

per questo a Kiev tremano per ogni gol

mantenendo le oscure distanze

tradite da crudeli confini

una tavola con posate invisibili Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Cina e altri inganni

Quando Ezequiel Lavezzi si risvegliò nella clinica Svizo-cinese di Shanghai: non poteva ancora vedere la sua nuova faccia, ma di fianco al suo letto il funzionario Yu Hua – delegato del partito per il progetto “Crocevia” – gli annunciava la riuscita dell’operazione, mentre appoggiava sul comodino i suoi nuovi documenti: passaporto, tessera sanitaria e soprattutto le nuove carte di credito, con l’aggiunta premio per l’adesione al progetto. Stava per cominciare la sua nuova vita, quella da Po Cho, Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Russia – Galles

Nel buio russo

non si vede l’orizzonte

dei mondiali,

Putin rimpiange Lobanovski

il suo dogma Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Privilegi

Nel 1958 Albert Camus scrisse: “Lo scopo della vita di una persona è riscoprire, attraverso le deviazioni dell’arte, quelle due o tre immagini davanti alle quali il cuore si è aperto per la prima volta”. Marco Oliva nel suo posto finestrino, vista ala sinistra, sempre lo stesso, sta cercando di ricordarsi quali sono le sue tre immagini ma non riferite all’apertura del cuore ma allo smarrimento, alle situazioni che lo hanno visto vivo perché  smarrito. Momenti di perdita e lontananza. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Il più maldestro dei tiri

In un campo affollato, a ridosso dell’area di rigore, c’è Andrea Pirlo pronto a calciare una delle sue “maledette” come le chiama Fabio Caressa, e nell’altra area c’è Silvio Berlusconi che fa “Il Venezia” – uno che non passa il pallone – secondo la definizione di Massimo Fini, due destri: uno di ordine, l’altro di caos. A centrocampo ci sono Nibali e Pantani, Iniesta e Zidane, Brera e Prodi, sulle fasce Lentini, McNamara e Donovan, Mastroianni, Giordano Bruno e Volonté, Baricco e Inzaghi, Renzi e Obama; in difesa: Zizek, Herzog, Scirea, Di Bartolomei, Materazzi, Veltroni, Berlinguer, Roger Casement; in porta Bruce Grobbelaar e Buffon, Zoff e Gordon Banks; in panchina un mucchio di gente: Mourinho, Guardiola, Di Matteo, Rocco, Sacchi, Del Bosque, Zeman, Bielsa, Boskov, Benitez, Agnelli, Conte, Allegri, Putin, Manzoni, Dino Risi, Cacciari, Letterman e tanti altri. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Annunci