Archivi tag: Russia

Evtušenko beve, Limonov rassetta

Un giorno Steven chiede al domestico di preparare le camera degli ospiti più bella per il suo illustre connazionale, il poeta Evgenij Evtušenko. Eduard non ha nessuna stima di quell’ipocrita, dissidente a metà, ricoperto di privilegi e di dacie, che riesce ad avere la botte schifosamente piena e la moglie completamente ubriaca, ma naturalmente non fiata. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

Mario Fossati, Fausto Coppi e la vita

Una notte, in treno, Fausto Coppi, tornando dal tour che aveva perso, disse al cronista ragazzino (Mario Fossati): «Caro Mario, ricordati: nella vita tutto si ottiene prima o poi. Ma tardi, male e in parte» C’è tutto Coppi in questa frase, e tutto Fossati, uno straordinario testimone dell’Italia sportiva e non: migliore in assoluto. Restituita con un linguaggio moderno, limpido, perfetto. Fossati non raccontava, fischiava. Era sopravvissuto alla campagna di Russia, per questo al ritorno amò tanto la spensieratezza degli ippodromi e la bellezza dei cavalli.

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Il vagabondo delle stelle

Era uno scrittore di movimento e immersione. Ci sono scrittori che aspettano il mondo e scrittori che vanno a prenderselo, Jack London – tante vite – apparteneva alla seconda categoria. Con una aggiunta: non solo andava a prenderselo ma ci si immergeva. Per questo, un secolo dopo la sua morte, siamo ancora qua a scriverne e parlarne e prima a leggerlo. Invidio molto chi non l’ha ancora letto e sta per farlo, perché da qualunque parte comincerà, si troverà di fronte a un rapimento: London agguanta e trascina giù, e dove il suo giù è un posto ampio e ventoso, che per brevità chiameremo storia. Era un passionale, non ha mai fatto calcoli in vita sua ma ha sempre seguito i suoi ideali (socialisti), e inseguito un concetto largo di verità e giustizia: al quale sentiva di appartenere. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Un giorno credi

È il primo degli Abbagnale a saltare dal campo al mare, Giuseppe; poi verrà Carmine e infine Agostino. Tre uomini che hanno fatto la storia del canottaggio italiano. Giuseppe è un uomo dalle spalle larghe, infatti ci stanno tre Don Chisciotte tra un braccio e l’altro, e un mucchio di battaglie, che misura il mondo, di continuo. Se fosse americano avrebbe una università e un mucchio d’epica da sperperare, invece è un italiano di sottrazione, di quelli che il passato è passato. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,