Archivi tag: Sigmund Freud

L’autunno di Maradona

L’immagine del mito e il corpo che lo contiene si stanno separando. È difficile essere Maradona quando Maradona si logora, è complicato continuare a sperperarsi quando il corpo è andato in riserva e questa volta annaspa, accusando l’usura delle vite precedenti. Intorno tutto rimane immutato, cambia il contesto non il calore, che sia uno stadio russo o uno argentino, la gente continua a tributare a Diego Armando Maradona la riconoscenza dovuta alla bellezza ricevuta, al sogno, ai prodigi visti, alla sua grande vita, ma dentro piove, le pareti scricchiolano, e la magia scivola via. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Delirio e sogni

Dopo il Sigmund Freud interpretato da Remo Remotti, in “Sogni d’oro” di Nanni Moretti, ogni altro Freud italiano non ha scampo. Il tedesco alternato all’italiano, la vendita (democratica) dei suoi libri in piazza come un Roberto Da Crema: con sconti, giuramenti e assalti alla madre, non lasciano spazio ad altri Freud. «Mi venisse uno sbocco di sangue, non potessi più trovare a casa mia figlia Anna, se non è vero che ci rimetto, siori». È così riuscita, la presa in giro, che non andrebbe insidiata. Per questo leggendo “L’interpretatore dei sogni” (Mondadori), di Stefano Massini, ci si annoia moltissimo. È il problema delle figure onnipresenti. Freud – mai morto – può essere parodiato, ma non ri-raccontato, perché continua a raccontarsi da solo. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , ,

La nota di Freud

Gustav MahlerAlbergo di Leida, Olanda, 26 agosto 1910. Pomeriggio. Si incontrano Gustav Mahler e Sigmund Freud. Lunga conversazione di 4 ore. Loro due in una camera, prima, poi escono camminano e soprattutto parlano. Uno dei più grandi compositori della storia musicale e l’inventore della psicoanalisi. È perlomeno uno scambio alla pari.
Freud per soddisfare la richiesta di Mahler ha interrotto le vacanze. Si sono cercati, non trovati, ricercati, poi Mahler ha rinunciato e dopo c’ha ripensato, insomma non una cosa facile. Anche perché il compositore non ha avuto una vita da picnic. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , ,