Ermanno Rea

Usò la Rolleiflex

per liberarsi di Stalin,

Berlino per dimenticare

poi si mise a scrivere le ultime parole

– Nobili Strada, Caffè, Piegari –

inseguendo un polifonico desiderio

di luce,

cantò lungo il fiume Liffey

la fuga e la sparizione

i disertori e i delusi

le sconfitte e le cose perdute,

sentiva le voci

come i ricordi:

che illumineranno

la sua ombra.

 

[foto di Ermanno Rea]

Annunci
Contrassegnato da tag

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: