Archivio mensile:agosto 2015

Oliver Sacks

Perduta carne, / di scienza intrisa e indiretti, / sacramenti / che i miseri e i pazzi / acquisirono come paradiso / in terra, / denaro, infelicità e collera / non distrussero il tuo spirito,  / perché il catalogo dei tuoi giorni / non gli fece mai spazio. / Labirintico scrittore, monarca d’ospedale, / discontinuo agglomerato d’infinite idee: / illuminasti vite e affrontasti tenebre, / ti dilettasti della tua agonia / con aggressività infantile /alla finzione opponesti il pensiero / alla malattia la memoria / assolvendo il tempo e il male / senza indugiare sulla scena / sfuggendo ai tentacoli laccati / della menzogna. Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag

Le Corbu

La gente mi guarda nuotare, nel momento in cui ho deciso di essere quel che sono: un uomo che si lascia andare, ho provato un gran sollievo, lo sono stato più in là di tutti, e ora sto per smettere, ma tutto questo il fotografo non lo sa. La competenza del suo sguardo è inutile per le mie bracciate da dilettante, la mia esperienza è un’altra, è nel cemento armato e nella costruzione di spazi, lui, cercava una attrice ed ha trovato me, attendo dunque che mi faccia sapere il legame. Gli ho urlato: Va’, va’ a fotografare Brigitte Bardot, io non interesso a nessuno, io sono solo corbeau, un corvo. Amo l’impermanenza dei confini che solo l’associazione del mare e del mio occhio sinistro spento: possono regalarmi; è una qualità parassitaria la mia, che mi rende scoperto da un lato, indifeso ma mai supplichevole, mai perdo la devozione alla mia natura offensiva e di dominio. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

Biglietto lasciato prima di non andare via

Ormai tutti sappiamo che il calciatore Mario Balotelli non esiste, lo sanno molti allenatori, lo sanno in Premier League – sì, certo tranne Noel Gallagher e Mino Raiola – e lo sanno moltissimi tifosi; già da qualche anno questa ipotesi si andava diffondendo. Ogni tanto lo avvistano poi no, poi sì, nel nuovo triangolo delle Bermuda: Milano-Manchester-Liverpool, tratta che ha percorso molte più volte delle fasce dei campi dove si diceva che avrebbe giocato, e dove è riuscito ad essere più presente rispetto alle azioni di contropiede. A parte le iraconde oscillazioni di Galliani, le illusioni dell’intera città beatlesiana, e l’eretismo scanzonato di Mansur bin Zayd Al Nahyan, Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Compleanni

Quello che mi affascina dell’invecchiamento è questa diminuzione del potere di agire. A chi potremo dare del “buffone” dal punto di vista della vita? A chi non accetta di invecchiare, a chi non sa invecchiare quando è ora.

[Gilles Deleuze, Cosa può un corpo, Ombre corte]

Contrassegnato da tag , , ,

Zuppa di gatto con pistole

Tutto comincia all’Hotel Monteleone di New Orleans, quartiere francese,  il mio uomo ha deciso che mi racconterà la sua storia al bar di Capote, Truman Capote, quello di “A sangue freddo”, e ci beviamo su Martini anche noi, ma voliamo più basso, molto più in basso. Fuori ho una Dodge nera, a noleggio s’intende, e più tardi arriverà il mio amico Paulo, fotografo portoghese, da anni mette in posa la gente davanti ai fiumi, poi registra la loro storia, solo voce, per tutto il resto ci sono le foto. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,