Archivio mensile:novembre 2016

Fidel y Diego

Una fortuna per entrambi: due icone, due entità quasi sovrannaturali, due uomini estremi che si riconoscevano e usavano, salvandosi. Insieme si rimettevano a cercare la gratitudine pubblica con un azzardo sentimentale da padre e figlio. Diego Maradona nel 2000 era sfinito dalla droga, aveva chiuso col calcio, bordeggiato la morte e visto el barba; Fidel Castro aveva bisogno di un testimonial per la sua rivoluzione sempre più stanca; unirono necessità, desideri e orizzonti: ne venne fuori un romanzo pop. Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

Fidel Castro: l’utopia incompiuta?

Quanti sogni, quante speranze e frustrazioni simboleggia per noi l’uomo che sta fermo lì, sul bordo del marciapiede, agitando le braccia come un nuotatore solitario? Rappresenta ancora l’inquietante esplodere della rivoluzione che avrebbe dovuto incendiare l’America latina per redimere gli oppressi e gli umiliati? La Mercedes Benz nera che ci porta si ferma a pochi passi dalla sua gigantesca figura vestita di verde olivo. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , ,

Il tempo incalcolabile dell’eternità

Aveva eluso tanti incagli di disordini tellurici, tante eclissi funeste, tante palle di fuoco nel cielo, da sembrare impossibile che un uomo del nostro tempo credesse ancora a pronostici di tarocchi riguardanti il suo destino. Tuttavia, mentre procedevano le formalità per comporre e imbalsamare il corpo, perfino i meno ingenui tra noi aspettavano senza confessarlo la realizzazione di predizioni antiche, come che il giorno della sua morte il fango delle paludi sarebbe risalito attraverso i suoi affluenti fino alle origini, Continua a leggere

Contrassegnato da tag ,

Dopo aver letto “Zero K”

Dobbiamo impedirlo.

Ma perché?

Escono dal tempo.

Un problema loro.

Eh no, è anche nostro. Se tutti quelli che possono permetterselo escono dal tempo, chi rimane? Continua a leggere

Contrassegnato da tag ,

Senza Messi(a)

Più del Chinaglia di Rino Gaetano, che non poteva passare al Frosinone, Lionel Messi no, non può passare al Napoli, a meno che non accada una trumpata. Tutti, a cominciare da Diego Maradona fino all’ultimo ragazzino che gioca a pallone, davanti all’indiscrezione che il calciatore argentino non sia disposto al rinnovo, e che nel 2018 lasci il Barcellona: hanno pensato alla storia che si ripeteva, hanno guardato alla possibilità remota e inaspettata che si potesse realizzare l’inatteso risvolto. Ma anche se Messi viene da Rosario – città di utopie e calcio pensato prima ancora che giocato – e a Napoli che manca l’immaginazione alla Kusturica che ebbe Ferlaino e manca il contesto nel quale si muoveva: il grande campionato di calcio italiano (dove c’erano tutti). Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,