Archivi tag: Einaudi

Thriller pallido con neve

Un rinvenimento eccezionale, il corpo congelato di un normanno in Groenlandia – che poi si rivelerà altro –, mette in azione una serie di storie su due piani differenti, uniti dalla stessa indagine. Ecco “La ragazza senza pelle” (Einaudi) di Mads Peder Nordbo. Da una parte il giornalista Matthew nel 2014, e dall’altra il poliziotto Jakob nel 1973, in mezzo nomi e storie groenlandesi, e non si può non pensare a cosa ne avrebbe fatto Paolo Villaggio, anche perché l’indagine ha tutti i vecchi canoni, e anche i cliché del genere thriller: dialoghi scarsi, dettagli macabri e personaggi piatti. Continua a leggere

Annunci
Contrassegnato da tag , ,

La noia può attendere

Non sa cosa raccontare agli angeli Franco Stelzer quando si spalancheranno le porte del cielo, e ne fa un libro di possibili risposte. Seguiamo la sua scrittura dal respiro corto e dai mille sguardi mentre si perde nelle piccole cose: rivoli e dettagli, attraverso un addetto ai controlli di un aeroporto (sì, possibile metafora del paradiso e/o oltre vita con evidente ammicco a “Heaven Can Wait” di Warren Beatty) e il suo diario interiore, così essenziale che leggendolo sembra di stare a dieta in una clinica svizzera. “Cosa diremo agli angeli” (Einaudi), Continua a leggere

Contrassegnato da tag , ,

Venere in pelliccia

Se è vero che pur di scrivere si è ridotto a vivere è anche vero che vive male, Aldo Busi, sobbarcandosi orrende cene pur di scorgere un poco di quella odiosa realtà italiana di cui si nutre. “Le consapevolezze ultime” (Einaudi) si riducono a poco, strette come stanno nella provincia lombarda che fattura in nero, investe all’estero e non compra i suoi libri. Tra una chiamata di prostata e la solita tirata sulle bestemmie – che ormai scandalizzano solo Michele Serra – viene fuori tutta la voglia di Busi di processare l’Italia, Continua a leggere

Contrassegnato da tag , ,

La Papessa

Più che un libro è un girotondo intorno alla figura di Fabrizio De André: “Lui, io, noi” (Einaudi) dove Dori Ghezzi prende per mano Giordano Meacci e Francesca Serafini guidandoli nella biografia del cantautore, poi divenuta pure film: “Principe libero”. Ormai questo tipo di libro è un genere che discende da Laura Betti per Pasolini, passa per la vedova di Tiziano Terzani e culmina in Dori Ghezzi, le cui bozze stavano nelle trasmissioni di Fabio Fazio. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , ,

No Good Deed

Alan, celebre critico gastronomico ricco e contento, incontra Craig, il migliore amico della gioventù ex rock-star divenuto un barbone. Birra, amarcord e vieni a stare a casa mia. Questo è “Invidia il prossimo tuo” (Einaudi) di John Niven. Il contesto è la Londra di oggi, anche se i due protagonisti, come l’autore, sono scozzesi, e si sentono due isole. Niven deve aver letto “Pioggia nera” di Georges Simenon, dove l’ospite inatteso modifica l’ambito familiare. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , ,
Annunci