Baciami, stupida

[Se è sempre difficile tornare a casa figuriamoci andarsene. Oggi Iker Casillas lascia il Real Madrid per andare a giocare in Portogallo col Porto. Allo stadio Santiago Bernabeu ha tenuto la sua ultima conferenza stampa dopo aver passato 25 anni in porta con la stessa squadra. Ha molto pianto forse più di Franco Baresi a Usa ’94, per questo voglio ricordarlo in un altro giorno di 5 anni fa a Johannesburg].

Baciami, stupida. Non l’ha detto, l’ha fatto. Ed era il bacio sui titoli di coda di una telenovela. Un gesto restauratore, che ha riportato nella finzione televisiva le giuste priorità, tradendo i desideri di Iker Casillas, portiere della Spagna campione del mondo, che ha arricchito una intervista nel dopo partita e ha chiuso la serie mundial, baciando la giornalista Sara Carbonero di Telecinco. Che il portiere fosse uno dai sentimenti forti si era visto anche in campo, dopo il gol di Iniesta ha preso a piangere non smettendo fino all’alzata della coppa, e anche nell’intervista che precede il gesto è visibilmente commosso. Si sarà sentito in dovere di farlo, in fondo non capita a tutti di vincere la coppa del mondo e di avere una reporter come fidanzata che deve raccontarlo. La coincidenza, e il momento, hanno fatto il resto. Una gesto che non avrebbe mai fatto Zoff, ultimo portiere ad alzare la coppa. E che invece sarebbe piaciuto a Edith Shain, l’infermiera che a Times Square, bacia il marinaio nella celebre foto di Alfred Eisenstaedt. Lo sport è pieno di gesti così, da Ben Johnson che a Roma dopo il record corre a baciare la madre, a Button, il pilota di F1, che l’anno scorso vince il mondiale, taglia il traguardo e si rinchiude nel motorhome con la fidanzata. Ma la finale della Spagna al Soccer City che ha preceduto il bacio, è stata qualcosa di molto simile a una soap opera: taglia e cuci, gioco lento e di rimando, noia, colpi bassi e di scena, resistenza, occasioni perdute, pianti e ricordi (come la frase che Iniesta aveva scritto a penna sulla maglia della salute: Dani Jarque siempre con nosotros) e poi la festa liberazione quando tutto sembrava perduto, e infine il bacio di Casillas, come un happy end. Ma partiamo dall’inizio, arbitra un poliziotto, e gli olandesi scelgono la parte dei cattivi, si vede che han letto Woody Allen (i cattivi hanno sicuramente capito qualcosa che i buoni ignorano), ma come modalità hanno selezionato Jean-Claude Van Damme, e picchiano senza preoccuparsi di niente, dimenticando le linee di Mondrian che erano stati i loro lanci in precedenza, gli spagnoli costretti al ruolo che nelle soap fanno i buoni, subiscono confidando nella provvidenza, sarà per questo che Vincente del Bosque, che sa come vanno le cose e la vita, mette dentro Navas Jesus. Sneijder ha il ruolo da fronte del porto, con la faccia da marinaio di Genet, e l’incarico di rompere  gioco e calciatori, Robben di quello appena uscito dal manicomio, e infatti, sbaglia un gol che lo condanna a essere internato in una pagina di Foucault. Casillas è il buono che cerca di evitare in tutti i modi la rissa, Iniesta è quello che torna sempre, e quando meno te lo aspetti mette insieme i vivi e i morti, oltre che il pallone in porta, che è come un colpo di pistola al petto. Il pubblico esulta, il cattivo è a terra, e il buono Casillas, piange. Il regista Del Bosque, un attimo prima della scena rivelatrice, per creare atmosfera e ammiccare al pubblico giovane, mette dentro i belli Torres e Fabregas, per il futuro della serie, e per non sentirsi dire che ha sbagliato gli inviti della festa. Quella che nelle puntate precedenti, era stata la Malafemmina, che distraeva il buono, Casillas, va reintegrata a pieno titolo con scena madre, quindi, ecco: il capitano, portiere, numero uno, che provato dai colpi presi, dalle fucilate di Robben, si presenta a lei e da bravo attore di soap, ringrazia la famiglia, e baciandola, la riabilita. Voce fuori campo che compiaciuta, a sua volta soddisfa il pubblico macho, dicendo: «que grande este capitan, que grande». Stacco, esterno giorno, pista di atterraggio, un boeing scende lento. Titoli di coda.

(PIERRE-PHILIPPE MARCOU/AFP/Getty Images)

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , ,

3 thoughts on “Baciami, stupida

  1. rodixidor ha detto:

    Posso anche esser d’accordo che non l’avrebbe fatto Dino Zoff ma penso che l’avrebbe tanto voluto fare Gigi …

  2. […] piaceri e sofferenze, il portiere è sempre un ricordo che azzanna. Ricardo Zamora, Francisco Buyo, Iker Casillas. Tre portieri diversi, il primo ha creato la matrice – e si è iscritto al mito – gli altri due […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: