Siti e il paese al ribasso

Tutta la storia di Walter Siti e del suo libro, “Bruciare tutto”(Rizzoli), confermano che la cultura italiana è fatta di cloni, e tutti al ribasso. Finita l’epoca delle matrici, e dei giganti – pensate che solo trent’anni fa nel giro di quattro giorni si uccideva Primo Levi e scompariva Federico Caffè: abbiamo forse oggi pezzi del genere? – non ci restano che i replicanti. Succede così che Walter Siti, bravissimo curatore dell’opera di Pierpaolo Pasolini, provi a mangiare in salsa piccante il suo maestro, e per un certo periodo ci riesca pure, replicando le borgate, allungandone il degrado, trascrivendone la trasformazione e la deriva, raccontando della società italiana e della sua tivù, creando un io molto largo, tanto da ospitare se stesso, la sua illusione e pure la continuazione dello scandalo pasoliniano. Replica e allarga, replica e allarga, si arriva alla vera grande trasgressione: il sesso con i minori, l’ultimo grande tabù, assolto già alla grande nelle pagine dei romanzi e in quelle della storia che ci ha generato – Grecia e Roma – ma non dai canoni morali del presente, allora serve un colpettino in più, non basta scrivere un romanzo dove si bordeggia la pedofilia seppure con un gran rifiuto che genera una morte, ma tirare dentro una figura imponente  e immacolata – in questo caso Don Milani –  con la dedica, e il gioco è fatto, ammiccando, per poi dire forse non è così, mi sono sbagliato, ho creduto che il mio prete fosse lui. Ma tutto questo riguarda il marketing – guai a nominarlo al vecchio Siti, che s’inalbera – il punto è che Siti rappresenta in pieno il bluff della letteratura italiana, vorrebbe essere Pasolini ma gli manca il fisico, vorrebbe scandalizzare ma ritratta, vorrebbe imperare (culturalmente) e invece soccombe, rivelandosi come l’esempio cardine di questi anni privi di autenticità: nei romanzi come nel cinema. Rivelando un paese povero che si accontenta di cloni e li elogia e santifica come se fossero davvero maestri. Dove Saviano si veste da Malaparte, Carofiglio si maschera da Sciascia, Virzì diventa Monicelli e via così. In questo contesto Siti cerca di replicare quello che conosce meglio, cerca di far sua la lezione di Pasolini e aggiornarla (in questo: meglio l’uso  che ne aveva fatto Vincenzo Cerami e il suo tentativo di emancipazione), ma invece di liberarsi del maestro ne diventa schiavo, e diventandone schiavo non cerca l’autentico ma la replica, e i giornali a loro volta reiterano – un gradino sotto – polemiche già viste per il vero scandalo, per la vera trasgressione: quella pasoliniana.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , ,

4 thoughts on “Siti e il paese al ribasso

  1. rodixidor ha detto:

    Caro Mexico-Journalist,
    nel merito di ciò che scrivi avrai sicuramente ragione, intendo dire che le tue critiche letterarie agli scrittori italiani che citi nel tuo post sono sicuramente fondate, tuttavia quello che ti contesto è questa idea di sottofondo che gli artisti di ieri sono dei giganti e quelli di oggi dei replicanti. Io non riesco mai a dire: “Si stava meglio prima”, una frase che ho eliminato dal mio lessico da quando tanti anni fa mio padre non mi comprò il motorino adducendo la solita logica che i tempi volgevano al peggio. E quindi da allora non riesco neppure a pronunciarla, anzi son convinto che tutto volge sempre al meglio.
    L’unica critica nel merito che riesco a farti è relativa al cinema, Virzi forse assomiglia a Risi, non a Monicelli, ma comunque gli può assomigliare ma non diventa Dino Risi. Io ho la mia idea su questo parallelismo specifico e sarei onorato se tu avessi la benevolenza di leggermi e magari anche di criticare la mia tesi a riguardo qui: https://paracqua.wordpress.com/2016/05/25/matte/
    Abbracci e baci 🙂

    • mexicanjournalist ha detto:

      non ho detto che quello che precede è migliore per forza, ho detto che in Italia ci si muove “in funzione di”; amando Risi ti dico che Virzì è scarso e imparagonabile al regista de “Il Sorpasso”, o a Monicelli – come ho letto da più parti -, comunque usavo dei paradossi, era una semplice constatazione; in pochi provano a smarcarsi dal passato e se lo fanno finiscono in solitudine. Ho trovato l’operazione Siti pessima, e l’intervista che trovi nei link rilasciata a Repubblica una abiura che Pasolini non avrebbe mai fatto, tutto qua.

  2. Least ha detto:

    Ciao luminoso, non credere che non ti legga.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: